Strage di gatti a Valenzano: "Uccisi e gettati via come fossero rifiuti"

Gli episodi sono stati denunciati dalla presidentessa dell'associazione 'Cuore Felino' di Valenzano

Agonizzanti, feriti e purtroppo morti: a Valenzano c'è qualcuno che non ama i gatti e ha deciso di gettarli via come fossero spazzatura. 
E' da diverso tempo che nella comunità a pochi passi da Bari si denunciano casi di avvelenamento e di maltrattamenti: a dicembre 2019 un gatto trafitto con un dardo ed a fine gennaio un avvelenamento. I casi sono stati sempre segnalati anche alle forze dell’ordine da Ida Lupo, presidentessa dell'associazione 'Cuore Felino' di Valenzano.

L'ultimo caso, secondo quanto riferito da Lupo, riguarda il ritrovamento, lo scorso 6 aprile, di 4 gattini, di cui 3 malridotti e uno morto, in una busta di plastica abbandonata in un cortile recintato di proprietà del Comune di Valenzano. "Qualcuno - afferma la presidentessa di 'Cuore felino' - pare che abbia gettato via i gattini che avevano trovato rifugio prima in un sottoscala di un'abitazione privata e poi trasferiti e messi al sicuro in una cesta per la frutta, nei giardini della villa Marconi, adiacente al palazzo comunale di Valenzano"

“Il ritrovamento dei micini – racconta Lupo – è stato fatto da alcuni dipendenti comunali in pausa caffè", i quali l' avrebbero poi subito chiamata per mettere in salvo e curare i piccoli presso il veterinario di zona, il quale ha poi provveduto a ricoverarli. 

La domanda che i volontari, la presidentessa e tutti quelli che sono venuti a conoscenza dell'episodio si pongono, è: ''Chi li ha gettati lì? E perchè proprio nella sede del Comune?''.

''Siamo addolorati e inorriditi – denuncia la presidentessa – per i numerosi episodi che si stanno verificando negli ultimi tempi nel nostro Comune, legati alla morte inspiegabile ed alla sparizione improvvisa di numerosi gatti randagi".

L’associazione Cuore Felino è impegnata in attività di lotta al randagismo e accudimento di gatti e sensibilizza la popolazione attraverso i canali social ad una maggiore attenzione nei confronti dei gatti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La fondatrice e presidentessa chiede, soprattutto alle istituzioni cittadine e autorità presenti sul territorio, una mutua collaborazione per la tutela dei felini. "Bisogna collaborare - afferma - affinchè ci sia una maggiore conoscenza della legge che tutela i gatti, su chi si prende cura e su come comunicarlo agli enti locali.  Solo così possiamo combattere il randagismo e gestire le emergenze. Esiste la legge sugli animali, perchè non applicarla?''.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vipera in giardino: come riconoscerla e cosa fare in caso di morso

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Raffaele Fitto positivo al Covid-19 con la moglie, l'annuncio: "Tampone dopo contagio di uno stretto collaboratore"

  • Il Coronavirus fa ancora paura nella provincia: un decesso a Polignano, crescono i contagi a Noicattaro

  • Vento forte e temporali in arrivo nel Barese: scatta l'allerta meteo arancione

  • Contagi dopo festa di 18 anni, chiude scuola ad Altamura: "Inconcepibili party per ballare"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento