rotate-mobile
Cronaca

Rivolta al Cara, arrestati altri quattordici immigrati

Nuovi arresti per la rivolta scoppiata nel Centro di accoglienza di Palese lo scorso primo agosto. Si tratta di giovani nordafricani, identificati dagli investigatori attraverso l'analisi di filmati e fotografie

Proseguono le indagini della Procura di Bari sulla rivolta scoppiata il primo agosto scorso nel Centro di Accoglienza per Richiedenti Asilo di Bari-Palese. In quell'occasione un fruppo di immigrati blocco i binari della linea ferroviaria Bari-Foggia e la statale 16, dando vita a scontri e sassaiole contro gli agenti di Polizia interevenuti per sedare la rivolta. Nelle settimane successive alla protesta 31 persone furono arrestate con  l'accusa di violenza e resistenza a pubblico ufficiale aggravate dal numero di persone e dall'uso di armi improprie (spranghe di ferro e sassi), minacce, interruzione di pubblico servizio, danneggiamento seguito da incendio, violenza privata, lesioni personali aggravate, danneggiamento di auto e mezzi pubblici, furto e blocco ferroviario.

A quei 31 indagati se ne aggiungono oggi altri 14, cui gli agenti della Digos stanno notificando in queste ore le ordinanze di custodia cautelare. Si tratta di giovani nordafricani, identificati dagli investigatori grazie all'esame delle foto e dei filmati registrati durante i disordini, oltre che grazie alle testimonianze di altri immigrati. Tre degli indagati, uno dei quali latitante, sono considerati dagli investigatori gli organizzatori della rivolta: sono accusati di istigazione a delinquere finalizzata alla rivolta e minacce agli ospiti del Cara.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rivolta al Cara, arrestati altri quattordici immigrati

BariToday è in caricamento