rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca

Roghi di rifiuti nelle campagne, nasce una task force per la sorveglianza: pattugliamenti e controlli con i droni

Carabinieri e polizia locale impegnati nelle attività, a cominciare dal quartiere Santa Rita e dai territori del IV Municipio, particolarmente colpiti dal fenomeno

Una task force composta da diverse componenti delle forze dell'ordine per contrastare il fenomeno dei roghi illeciti nelle campagne alla periferia della città. L'iniziativa è stata attivata nell'ambito del Comitato provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica, riunitosi questa mattina.

Droni e pattugliamenti

Già negli anni scorsi il Comitato aveva disposto un controllo interforze, che si era anche avvalso delle attività delle associazioni di volontariato del territorio impegnate a segnalare illeciti o la presenza di persone intente a dar fuoco a materiali di risulta. I roghi, infatti, spesso vengono accesi per smaltire illegalmente i rifiuti accumulati in vere e proprie discariche abusive in zone di campagna o poco abitate. Da qualche giorno, quindi, Carabinieri, Polizia locale e Carabinieri forestali sono impegnati in attività di pattugliamento, avvalendosi dell’utilizzo di droni, dispositivi che in questo tipo di attività si sono dimostrati particolarmente utili. Uno dei primi obiettivi condivisi questa mattina all’interno del Comitato è quello di intervenire sul territorio del Municipio IV, in particolare nel quartiere di Santa Rita dove, soprattutto d’estate, si concentrano questi fenomeni.

L'ordinanza 'antincendi'

Nel frattempo, sempre sul fronte della prevenzione degli incendi, è già in vigore l’ordinanza sindacale valida dal 15 giugno al 15 settembre 2020 con cui si dichiara lo stato di grave pericolosità degli incendi per tutte le aree boscate, cespugliate, arborate e a pascolo della Regione Puglia, fatta salva la possibilità, in caso di necessità contingenti, di posticipare al 30 settembre lo stato di allertamento delle strutture operative. Nel provvedimento si invita chiunque avvisti un incendio che interessi o minacci le suddette aree, comprese eventuali strutture e infrastrutture antropizzate poste al loro interno, a darne immediata comunicazione alle competenti autorità locali, riferendo ogni utile elemento territoriale per la corretta localizzazione dell’evento.

All’art. 2 dell’ordinanza Divieti su aree a rischio incendio boschivo, inoltre, si legge: a integrazione delle norme contenute nel R.D. n. 3267 del 30/12/1923, del relativo regolamento e delle prescrizioni di massima e Polizia forestale, è tassativamente vietato: a) accendere fuochi di ogni genere; b) far brillare mine o usare esplosivi; c) usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli; d) usare motori (fatta eccezione per quelli impiegati per eseguire i lavori forestali autorizzati e non in contrasto con le PPMPF ed altre norme vigenti), fornelli o inceneritori che producano faville o brace; e) tenere in esercizio fornaci, forni a legna, discariche pubbliche e private incontrollate; f) fumare, gettare fiammiferi, sigari o sigarette accese e compiere ogni altra operazione che possa creare comunque pericolo immediato o mediato di incendio; g) esercitare attività pirotecnica, accendere fuochi d’artificio, lanciare razzi di qualsiasi tipo e/o mongolfiere di carta, meglio note come lanterne volanti dotate di fiamme libere, nonché altri articoli pirotecnici; h) transitare e/o sostare con autoveicoli su viabilità non asfaltata all’interno di aree boscate; i) transitare con mezzi motorizzati fuori dalle strade statali, provinciali, comunali, private e vicinali, gravate dai servizi di pubblico passaggio, fatta eccezione per i mezzi di servizio e per le attività agro-silvo-pastorali nel rispetto delle norme e dei regolamenti vigenti; l) abbandonare rifiuti nei boschi e in discariche abusive.

Nelle zone ad alta densità turistica, al fine di mitigare situazioni di rischio (parcheggi e assembramenti di veicoli non autorizzati, accatastamento di rifiuti), i Comuni possono autorizzare nei pressi di aree boscate parcheggi temporanei a condizione che i gestori pongano in essere misure di prevenzione antincendio (indicazione/segnalazione delle via di fuga, rimozione della vegetazione erbacea e della necromassa, rimozioni di rifiuti) e di sorveglianza dedicate, nonché dispongano in loco di attrezzature idonee e di pronto utilizzo quali estintori, cisterne d’acqua e simili necessari a estinguere eventuali principi di incendio. I Comuni dovranno comunicare alla sezione Protezione civile della Regione Puglia il piano degli interventi di prevenzione incendi adottato, nonché il nominativo e il recapito telefonico del referente responsabile del parcheggio temporaneo.


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roghi di rifiuti nelle campagne, nasce una task force per la sorveglianza: pattugliamenti e controlli con i droni

BariToday è in caricamento