rotate-mobile
Cronaca

Le campagne del quarto Municipio come discariche, lo scempio non si ferma: ancora rifiuti speciali abbandonati

Scarti edili, vecchi mobili e materiale plastico accastati e pronti probabilmente per essere bruciati. L'allarme dei Rangers sul fenomeno: "Un serio problema ambientale"

Non bastano le segnalazioni, le denunce dei cittadini, e neppure le multe di tanto in tanto elevate agli sporcaccioni beccati dalla polizia locale. Lo scempio dell'abbandono dei rifiuti nelle campagne del quarto Municipio non si ferma. Scarti edili, vecchi mobili, materiale plastico, accatastati in zone periferiche tra Ceglie, Loseto, Carbonara, Santa Rita, probabilmente in attesa - come sistematicamente accade - del momento opportuno per appiccare le fiamme.

In un recente incontro con i cittadini, l'amministrazione comunale ha garantito massimo impegno nella lotta al fenomeno dell'abbandono dei rifiuti nelle campagne e dei conseguenti roghi, tornando a parlare di controlli più serrati e dell'utilizzo di fototrappole. L'estensione del territorio e la difficoltà di individuare zone spesso non facili da raggiungere rendono di certo più complicata la lotta al fenomeno, ma le segnalazioni continuano a crescere giorno dopo giorno, e spesso riguardano punti nemmeno troppo periferici. Come nel caso dell'ultima discarica abusiva, individuata dai Rangers d'Italia in strada San Michele (zona Santa Rita), a poca distanza dalle case. Più lontana dall'abitato invece l'altra discarica, segnalata lungo la strada che conduce da Ceglie a Modugno.

"Mentre ci si concentra su altre questioni ambientali - è l'allarme lanciato dai Rangers - qualcuno pensa bene di insudiciare le nostre campagne con rifiuti speciali -  Quello delle micro e macro discariche abusive sul territorio, sta diventando un serio problema ambientale, che si ripercuote sulla salute pubblica".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le campagne del quarto Municipio come discariche, lo scempio non si ferma: ancora rifiuti speciali abbandonati

BariToday è in caricamento