menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Sparano, il comitato non si arrende: "Petizione bocciata? Ma nessuno risponde a richieste di chiarimenti"

Il comitato che si oppone al restyling attacca: "Dal sindaco dichiarazioni sui giornali, ma nessuna risposta alle nostre richieste formali. Non sarà tutta una strategia per prendere tempo?

Petizione contro il restyling di via Sparano bocciata? Il Comitato non ci sta, e in una nota chiede al sindaco Decaro chiarimenti a proposito della 'bocciatura' annunciata ieri attraverso un comunicato stampa.

Di seguito la nota diffusa dal comitato 'Salviamo via Sparano':

"“Errori nei contenuti e nelle procedure utilizzate” dichiara il Sindaco di Bari Antonio Decaro, ma ad oggi dopo ben 7 giorni dal protocollo delle prime 2915 firme presentate secondo l’art. 42 che ne richiede da un minimo di 200 ad un massimo di 1000, ufficialmente non si conosce l’esito della petizione.

Da quanto dichiarato dal Sindaco ai giornali, parrebbe che nemmeno le 1445 firme, presentate secondo l’art. 80 del regolamento comunale che anche in questo caso richiede massimo 1000 firme, corredate di documento di identità, siano valide.

Continua il Sindaco: “le firme dovevano essere accompagnate anche dai documenti di riconoscimento e dovevano essere pari ad almeno 3.500, da raccogliere tassativamente nei tre mesi precedenti alla data di deposito presso il Comune"?

Purtroppo però, il Sindaco, si confonde con l’art. 81 del Regolamento Comunale che riguarda le proposte e che recita:"…. le associazioni ed i comitati esercitano l’iniziativa in ordine agli atti di competenza del Consiglio Comunale e del Municipio per le materie proprie, presentando con le medesime modalità di cui al precedente articolo, una proposta di deliberazione, redatta in articoli separati ed accompagnati da una relazione illustrativa, che rechi, per gli atti di competenza del Consiglio Comunale, non meno di tremilacinquecento sottoscrizioni raccolte nelle forme legali nei tre mesi precedenti al deposito…".

Abbiamo scritto formalmente al Segretario Generale, che dovrebbe occuparsi di valutare la validità dell’iter procedurale per la petizione, per avere un riscontro riguardo a queste dichiarazioni senza aver ottenuto alcuna risposta. Contattato direttamente il Segretario Generale, ci hanno detto che della questione se ne sta occupando il Sindaco in persona. Al Gabinetto del Sindaco ci rimbalzano al Segretario Generale, dicendo che è lui che se ne deve occupare. Alle richieste scritte, formali, nessuno risponde.

Allora ci viene da pensare: non sarà tutta una strategia per prendere tempo? L’unica certezza che abbiamo è che nemmeno il primo cittadino conosce il regolamento dell’amministrazione di cui è il rappresentante".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento