Sporcaccione a San Cataldo lascia pupù del cane in spiaggia, i residenti postano foto su Fb: "La prossima volta raccoglila"

Gli abitanti del quartiere hanno postato un lungo messaggio con tanto di immagine, mascherata, di chi non avrebbe ripulito l'area dalla cacca del suo amico a quattro zampe

"Noi non chiederemo mai il divieto per i nostri amici a 4 zampe di passeggiare sulla spiaggia come avviene in altre zone della città perché speriamo nel buon senso e nel rispetto dei luoghi dei cittadini" ma, allo stesso tempo, i residenti di San Cataldo sono stufi di chi sporca. Nel gruppo Facebook del quartiere, gli abitanti hanno postato la foto, opportunamente mascherata, di qualcuno che non avrebbe raccolto la pupù del suo cane, fatta in spiaggia a pochi passi dalla Fiera del Levante.

"Ora caro padrone spero che tu ti riconosca e comprenda - è scritto in un post del gruppo fb Res San Cataldo - che dopo che lasci le feci del tuo cane incolpevole del tuo gesto su quella spiaggia a distanza di un paio d’ore arriveranno dei bambini e chissà forse proprio i tuoi nipoti o tuoi piccoli conoscenti che sicuramente non saranno felici del regalo da te 'dimenticato' anche incurante della presenza degli operatori ecologici li presenti di prima mattina per rendere quel luogo 'vivibile'. Quindi fatti un esame di coscienza e la prossima volta raccogli quello che purtroppo il nostro amico non è in grado di fare e ringrazia che non può parlarti".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • "Puntiamo alla zona gialla". Decaro: "Con misure meno restrittive per un Natale più sereno"

Torna su
BariToday è in caricamento