Lunedì, 21 Giugno 2021
Cronaca

In auto con passamontagna e attrezzi da scasso, lanciano chiodi per sfuggire alla polizia: due arresti

Due pregiudicati bloccati ieri notte a San Girolamo, dopo un inseguimento da parte delle Volanti. Altri due complici in fuga. Nella vettura anche un 'ariete' realizzato artigianalmente, di solito utilizzato nei furti con spaccata

Intercettati da una Volante della polizia, mentre, intorno alle due della scorsa notte, transitavano in strada San Girolamo a bordo di una Lancia Lybra, con il volto coperto da passamontagna. Notata la presenza degli agenti, il conducente dell'auto, in cui viaggiavano in tutto quattro persone, ha accelerato l'andatura, cercando di dileguarsi.

L'inseguimento: chiodi a quattro punte per seminare la polizia

Il tentativo di fuga ha fatto quindi scattare l'inseguimento per le strade della zona, nel corso del quale uno dei passeggeri ha lanciato dal IMG-20180205-WA0024-2finestrino dei chiodi artigianali in ferro a quattro punte, utilizzati per forare gli pneumatici. Gli agenti sono comunque sono riusciti a portare avanti l’inseguimento fino a via Leoncavallo, quando i fuggitivi hanno abbandonato l’auto tentando di allontanarsi a piedi. I poliziotti sono riusciti a bloccare immediatamente due soggetti, un 48enne e un 29enne, nonostante i due abbiano opposto resistenza. In tale frangente, durante una breve colluttazione, il 48enne ha anche colpito uno degli agenti causandogli delle lesioni. 

Gli arrestati: una banda in trasferta

Le altre due persone a bordo dell'auto sono riuscite a fuggire, e sono in corso indagini per risalire alla loro identità. In carcere, con l'accusa di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato e possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli, sono finiti invece Luigi Spagnuolo, 48enne nato a Stornara, in provincia di Foggia, e Eugenio Cinquepalmi, 29enne nato a Cerignola. La Lancia Lybra di colore scuro usata per la fuga è risultata invece intestata ad una donna residente a Cerignola.

In auto il kit degli scassinatori: indagini in corso sui furti con spaccata

Nel bagagliaio della vettura gli agenti delle Volanti hanno rinvenuto e sequestrato diversi arnesi da scasso: tre cacciaviti, un coltello da cucina, un bastone di legno, tre chiodi a quattro punte. All’interno dell’abitacolo sono stati inoltre rinvenuti un passamontagna ed un paio di guanti. Recuperato anche un 'ariete' di circa un metro, di fattura artigianale, solitamente utilizzato per sfondare porte o vetrine. E proprio sulla 'pista' dei furti con spaccata che si orientano ora le indagini delle Volanti. Accertamenti sono in corso per capire se la banda possa essere ritenuta responsabile di alcuni furti con spaccata registrati di recente in città, come quello avvenuto nel bar una stazione di servizio lungo la statale 16, in cui ignoti, dopo aver spaccato la vetrina, hanno fatto incetta di tagliandi gratta e vinci.
 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In auto con passamontagna e attrezzi da scasso, lanciano chiodi per sfuggire alla polizia: due arresti

BariToday è in caricamento