menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giostrine incendiate al San Paolo, Decaro: "Non abbassiamo la testa. Chi ha visto parli"

Si contano i danni (per fortuna limitati) del raid vandalico di questa notte. In arrivo telecamere per sostituire l'impianto di videosorveglianza non più funzionante

"Sono distrutto anche io, oggi, devo confessarvelo. Distrutto dall’idiozia di questa gentaglia. Che non capisce che bruciare la propria terra vuol dire fare terra bruciata intorno al proprio futuro. Anche stavolta, non dobbiamo abbassare la testa, non dobbiamo dargliela vinta. Se qualcuno ha visto qualcosa, se qualcuno può aiutarci in qualche modo a scovare queste carogne, lo faccia". E' duro il commento del sindaco Antonio Decaro dopo l'incendio che ieri ha distrutto una giostrina nel giardino di via De RIbera al quartiere San Paolo. Stamattina l'assessore comunale ai Lavori Pubblici, Giuseppe Galasso, e il presidente del Municipio III, Massimiliano Spizzico, hanno effettuato un sopralluogo per valutare i danni, fortunatamente limitati solo a una piccola porzione dell'area verde. I giochi danneggiati saranno sostituiti al più presto: "Purtroppo non abbiamo immagini che possano consentirci di identificare i colpevoli - spiega Galasso - . La zona è sì dotata di un impianto di videosorveglianza, ma ormai obsoleto e non più funzionante, tant’è che proprio quelle telecamere saranno sostituite grazi all’appalto in corso da 950mila euro, da ultimare entro la prima decade di luglio, attraverso il quale ne stiamo installando 100 e ricollocando altre 24. Perciò, entro un paio di settimane sostituiremo le vecchie apparecchiature del mercato con altre di nuova generazione, in grado non solo di registrare filmati ma anche di connettersi alla sala operativa della Polizia Municipale”.

Il sindaco Decaro, attraverso un post su Facebook, ha espresso la propria amarezza: "Nei dibattiti - afferma - si parla spesso di crisi delle periferie e di quello che la politica dovrebbe fare per migliorarle. Poi succede che otteniamo con fatica dal Governo un finanziamento di 7 milioni di euro per la riqualificazione del quartiere San Paolo con la creazione degli spazi di socializzazione e, nel frattempo, proprio lì, ieri sera, succede questo: giostre per bambini incendiate, uno spazio pubblico completamente distrutto. Sono distrutto anche io, oggi, devo confessarvelo. Distrutto dall’idiozia di questa gentaglia. Che non capisce che bruciare la propria terra vuol dire fare terra bruciata intorno al proprio futuro. Forse dovrei scrivere al Governo e dire che non li meritiamo, quei soldi. Forse dovrei consigliare di stanziarli per altre città, dove ancora regna un briciolo di senso civico e di amore per la propria comunità. E invece no, devo farmi forza, e voi con me.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Attico di lusso nel cuore di Bari: un sogno a due passi dal mare dove il fascino dell'antico si sposa all'eleganza del moderno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento