Cronaca

Ai domiciliari, nasconde un kalashnikov in casa: in carcere 52enne al San Paolo

L'arma, completa di caricatore e cartucce, era nascosta in uno zaino riposto in un armadio della camera da letto: è stata scoperta dagli agenti della Squadra mobile nel corso di una mirata perquisizione

Già ai domiciliari per altri reati, nascondeva in casa un fucile mitragliatore AK47 calibro 7,62, completo di un caricatore che conteneva 11 cartucce dello stesso calibro. L'uomo, un 52enne del quartiere San Paolo, con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, è stato scoperto dai poliziotti della Sezione Contrasto al Crimine Diffuso della Squadra Mobile. Per lui si sono quindi aperte le porte del carcere, con le accuse di detenzione di arma da guerra con relativo munizionamento e ricettazione della stessa.

Gli investigatori, avendo il sospetto che presso l’abitazione del detenuto agli arresti domiciliari, potessero essere occultate armi e munizioni, hanno proceduto ad un accurata perquisizione domiciliare, che ha consentito di rinvenire e sequestrare l'arma, ben occultata all’interno di uno zaino nascosto su un ripiano dell’armadio della camera da letto.
 
Sono in corso accertamenti balistici sull’arme e le munizioni, al fine di verificare l’eventuale utilizzo dell’arma in precedenti episodi delittuosi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ai domiciliari, nasconde un kalashnikov in casa: in carcere 52enne al San Paolo

BariToday è in caricamento