San Paolo, la denuncia dei residenti: "Il nostro parco a rischio degrado"

I residenti del quartiere San Paolo chiedono più attenzione per il parco urbano di viale Puglia: a rischio degrado soprattutto le aree attrezzate per i bambini, di recente danneggiate da episodi di vandalismo

Una giostrina del parco danneggiata dai vandali

Il parco urbano di viale Puglia, a pochi passi dalla parrocchia San Paolo Apostolo, è a rischio degrado. A lanciare l'allarme sono gli stessi residenti della zona, preoccupati dai continui atti vandalici e da una certa "trascuratezza" nella manutenzione dello spazio pubblico. A lamentarsi sono soprattutto nonni e genitori, per i quali il parco rappresenta l'area verde del quartiere in cui poter passeggiare con i propri bambini e farli giocare all'aria aperta.

Proprio le aree attrezzate con i giochi, infatti, sono state di recente oggetto delle "attenzioni" di qualche immancabile vandalo, che ha danneggiato le giostrine scardinandone alcuni pezzi e rendendole inutilizzabili. Ma non basta. C'è anche la questione sporcizia. A parte le cartacce sparse qua e là, soprattutto nei punti meno frequentati del parco, sulle pedane degli scivoli qualcuno si è divertito ad ammonticchiare terriccio e rifiuti. Eppure nessuno, denunciano i residenti, si preoccupa mai di rimuoverli.

"Eppure - si lamenta una signora venuta a passeggiare con il suo nipotino - basterebbe una scopa per spazzare via quel terriccio. Mi chiedo che cosa ci perdano gli addetti alla pulizia del parco a fare un gesto così semplice".

"Guardi là - interviene il marito indicandomi una zona più in fondo - lì addirittura le giostrine le hanno dovute togliere, perchè erano tutte rovinate. Però hanno lasciato i paletti, ed è molto pericoloso. Eppure nessuno interviene, tanto qui mica siamo a Poggiofranco". Ci avviciniamo per guardare meglio: in effetti,dove prima erano le giostre, sono rimasti una dozzina di paletti in ferro, alcuni anche arrugginiti, che sporgono dal terreno non più di venti centrimetri. Pericolosi, certo, soprattutto per i bambini che giocano e corrono liberi per il parco. E anche il nastro segnaletico bianco-rosso, ormai logoro, legato intorno ad alcuni di essi, contribuisce ben poco a renderne più evidente la presenza.

Poco distante due panchine messe una di fronte all'altra. Di sicuro chi ha progettato l'arredo urbano del parco non deve averle pensate così. Chiediamo spiegazioni ad un signore seduto lì vicino: "E cosa vuole - ci dice stringendosi nelle spalle - qua la sera i ragazzacci vengono e fanno quello che vogliono. Le sembra normale spostare le panchine? Guardi là, hanno fatto il salotto!". "Quelle panchine andrebbero fissate - prosegue, con un tono un po' rassegnato - ma noi che ne sappiamo? A chi ci dobbiamo rivolgere?".

Mentre ci avviamo verso l'uscita, notiamo un cartello posto accanto ai cancelli (manco a farlo apposta, imbrattato con una bomboletta spray): "Bari Multiservizi - Questo parco è affidato a noi". E alla Multiservizi gireremo le richieste dei cittadini del quartiere.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...




 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tre 'mini zone rosse' a Bari vecchia, nell'Umbertino e a Poggiofranco: "No alla movida, controlli già da stasera"

  • Nuova stretta anticovid, entro domenica un altro Dpcm? Stop alle 22 per i ristoranti, no ai centri commerciali nel weekend

  • Fermare l'aumento dei contagi ed evitare il lockdown, oggi il nuovo dpcm: verso coprifuoco alle 22 e orari scaglionati per le scuole

  • 'Caffè' al banco vietato dalle 18 dopo il nuovo Dpcm, la prima multa a Bari è per un bar del centro

  • Da lunedì stop alla didattica in presenza per gli ultimi 3 anni delle superiori, Emiliano: "Rallentiamo i contagi covid"

  • Zone rosse anti movida, Decaro attacca il governo e il nuovo Dpcm: "Inaccettabile scaricare responsabilità sui sindaci"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento