Cronaca San Paolo / Strada Caposcardicchio

San Paolo, al via i lavori per il semaforo in strada Caposcardicchio. I residenti: "Da anni attendiamo interventi"

L'impianto regolerà il trafficato incrocio tra viale delle Regioni, via Trentino e la strada che conduce all'ospedale del quartiere. Da tempo il comitato cittadino 'La voce del San Paolo' chiede la messa in sicurezza della zona, in cui sarebbe prevista la realizzazione di una rotatoria

I lavori sono cominciati questa mattina, e dureranno all'incirca una decina di giorni. L'incrocio tra viale delle Regioni, via Trentino Alto Adige e strada Capo Scardicchio, al confine tra il quartiere San Paolo e la zona Cecilia di Modugno, sarà finalmente regolato da un semaforo.

La messa in sicurezza di quel tratto, molto trafficato sia per la presenza dell'ospedale del quartiere che per quella di una scuola materna, è da tempo al centro delle richieste di un gruppo di cittadini, uniti nell'associazione "La voce del San Paolo".

In effetti, basta fermarsi pochi minuti ad osservare il traffico, per notare quanto facilmente si creino ingorghi. Senza considerare le difficoltà per i pedoni, che devono fare i conti con marciapiedi assenti (come ad esempio sul destro strada Caposcardicchio, procedendo verso l'ospedale) o resi difficilmente praticabili dalla presenza di pali (come avviene sul lato opposto della stessa via).

"Questo incrocio è un caos, soprattutto nelle ore di punta - dice Pino Giaquinto, dell'associazione 'La voce del San Paolo' - per non parlare di ciò che accade quando piove". In realtà, in quel tratto è prevista da tempo la realizzazione di una rotatoria per decongestionare il traffico e l'ampliamento di strada Caposcardicchio. "Tutto comincia - spiega Giaquinto - nel 1998, con una legge che chiedeva a Regioni e Comuni di provvedere a progetti per l'ampliamento, sicurezza e facilitazione dello scorrimento per l'arrivo a ospedali di zona". I fondi vengono individuati nell'ambito del progetto "Sisaba". Per strada Caposcardicchio, collocata 'a metà' tra Bari e Modugno, i due Comuni coinvolti concordano gli interventi. Poi dovrebbe intervenire la Provincia (diventata nel frattempo Città metropolitana), per effettuare gli espropri che consentano i lavori, "ma questo intervento - spiega Giaquinto - a quanto ci risulta, non è stato ancora effettuato".  "Abbiamo mandato lettere agli enti coinvolti, abbiamo chiesto spiegazioni, ma finora - conclude Giaquinto - non abbiamo ottenuto alcuna risposta certa. Siamo anche pronti ad avviare anche una petizione da presentare al sindaco Decaro".

Intanto, oggi sono partiti i lavori per l'installazione del semaforo. Interventi, spiegano dagli uffici del Comune, concordati e a carico dell'impresa che di recente ha realizzato un nuovo complesso residenziale nella zona. Per i cittadini, almeno un piccolo passo in avanti per la messa in sicurezza della zona. Anche se, sulla questione 'rondò', i residenti aspettano ancora risposte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Paolo, al via i lavori per il semaforo in strada Caposcardicchio. I residenti: "Da anni attendiamo interventi"

BariToday è in caricamento