Santa Scolastica, lavori alle ultime battute: a luglio riaprirà la prima parte del Museo Archeologico

Mesi conclusivi degli interventi da 2,2 milioni di euro per la riqualificazione del piano terra e del seminterrato adibito a deposito. In corso di progettazione gli altri interventi per i due piani superiori

Entro luglio sarà fruibile al pubblico il piano terra del nuovo Museo di Santa Scolastica a Bari Vecchia: è l'esito del sopralluogo di questa mattina effettuato da parte del sindaco Metropolitano Antonio Decaro, nella struttura dove sono in corso i lavori. Alla visita hanno preso parte anche il Soprintendente per i Beni Archeologici della Puglia, Luigi La Rocca, l’architetto Francesco Longobardi, del Segretariato regionale del Mibact per la Puglia e la consigliera metropolitana delegata ai Beni culturali, Francesca Pietroforte. Nelle prossime settimane, ad aprile, la Sovrintendenza consegnerà gli ambienti riqualificati e ristrutturati (con 2,2 milioni di euro) che ospiteranno il deposito del museo, nel quale troveranno posto i 30mila reperti della collezione di prorietà dell'Ente. A breve sarà anche ultimata l'area del complesso destinata agli uffici amministrativi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Progettazione per la parte conclusiva dei lavori

Da luglio, invece sarà fruibile al pubblico l’area al piano terra dedicata all’archeologia in Terra di Bari che si aggiunge al percorso già esistente del Bastione e dell’area archeologica di San Pietro: “Stiamo seguendo passo dopo passo i lavori a Santa Scolastica – ha affermato il sindaco – per accelerare la consegna di alcuni ambienti del museo e renderli fruibili ai cittadini e ai turisti. Questa estate, nel mese di luglio, apriamo alcuni spazi al piano terra allestendo un’esposizione di reperti archeologici della Terra di Bari. Un percorso che si collega con l’area già fruibile del Bastione e con gli spazi all’aperto degli scavi archeologici di piazza San Pietro. Stiamo, inoltre,  procedendo con le attività di progettazione, per un totale di 8 milioni euro, che completeranno i piani superiori e la restante zona archeologica di San Pietro”. Sarà dunque attivo il primo percorso del museo, accessibile dal Bastione sul lungomare Imperatore Augusto, con uscita nell'area archeologica di San Pietro. Per il secondo percorso, da via Venezia, bisognerà attendere il completamento della struttura. “Sono stati individuati anche gli ambienti che saranno destinati ai laboratori didattici per ragazzi collocati al piano interrato e a diretto contatto con le mura ellenistiche. In questi spazi i bambini avranno la possibilità di svolgere attività archeologiche in un’area di simulazione di uno scavo all’aperto – spiega la consigliera Pietroforte -. Il nostro obiettivo è quello di aprire al più presto una parte del nostro museo alle famiglie e agli studenti in attesa che si completino definitivamente tutti i lavori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • La Puglia 'promossa' da domenica? Dati Covid in miglioramento, si va verso la zona gialla

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

  • "Puntiamo alla zona gialla". Decaro: "Con misure meno restrittive per un Natale più sereno"

Torna su
BariToday è in caricamento