"Contratto fermo da 4 anni e poche tutele", scioperano le guardie giurate dei servizi aeroportuali: sit-in in Prefettura

In mattinata la manifestazione indetta da Filcams, Fisascat e Uiltucs in occasione dello sciopero proclamato a livello nazionale. Al 'Karol Wojtyla' code ai varchi di sicurezza: solo due su 5 quelli aperti

Un contratto "fermo ormai da quattro anni", con il conseguente blocco degli aumenti salariali, a fronte di turni di lavoro pesanti e rischi connessi all'attività prestata. Sono tornate a scioperare oggi, a Bari come in tutti gli scali italiani, le guardie giurate addette ai servizi aeroportuali, gestiti in appalto da società di vigilanza private. 

Il sit-in in Prefettura

Dopo il sit-in organizzato all'incirca un anno fa presso il 'Karol Wojtyla', la protesta, organizzata da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, si è spostata oggi davanti alla Prefettura, con l'intento di chiedere un intervento deciso del governo. "A distanza di un anno, purtroppo, ancora il contratto non si sblocca - spiega Antonio Miccoli, segretario della Filcams Cgil Bari - e le controparti, invece di trovare soluzioni, fanno ulteriori forzature, chiedono peggioramenti sul rinnovo del contratto nazionale e sui cambi di appalto, chiedono maggiore flessibilità sugli orari, quando già lavorano mediamente 12-13 ore al giorno". "Poi - prosegue Miccoli  c'è l'aspetto della sicurezza: è evidente a tutti quello che i lavoratori di questo settore rischiano. E ancora il tema dei tempi di conciliazione vita/lavoro per le lavoratrici, messe a dura prova con turni che vanno talvolta vanno dalle 4 la mattina alle 18 o 19, con tutte le difficoltà che questo comporta e livelli di stress altissimi". Nel corso della mattinata, i rappresentanti sindacali sono stati ricevuti in Prefettura: "Su un tavolo di contrattazione nazionale è importante che ci sia un intervento del Ministro del Lavoro - sottolinea Miccoli - Sul tema della sicurezza invece sarebbe gradito un maggior impegno da parte del ministro degli Interni, per queste persone che ogni giorno rischiano la vita per redditi che non superano i 1.100 euro al mese

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sciopero della vigilanza e del trasporto aereo: disagi in aeroporto

Alta, secondo i sindacati, l'adesione allo sciopero. "Dalle informazioni ricevute si sono registrate code anche abbastanza sensibili in aeroporto", afferma Miccoli. Nello scalo barese, su cinque varchi per i controlli di sicurezza ne sarebbero attivi soltanto due, con il personale necessario a garantire i servizi minimi essenziali previsti per legge. Allo sciopero dei vigilanti, inoltre, si è sommato quello di quattro ore proclamato dalle 10 alle 14 dai lavoratori del trasporto aereo e di Alitalia. La compagnia, in particolare, ha annunciato la cancellazione di circa 100 voli, tra cui quattro da e per Bari.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mamma e figlio rischiano di annegare per il mare agitato: militare barese si getta in acqua e li salva

  • 2000 euro a 60mila pugliesi: 'Start' dalla Regione a partite iva, lavoratori autonomi e professionisti a basso reddito

  • Lutto nel mondo dello spettacolo: addio a Teodosio Barresi, protagonista de LaCapaGira

  • Duemila euro per 60mila pugliesi: bando 'Start', da domani sarà possibile presentare domanda

  • Si schianta con l'auto e subisce un'emorragia, soccorsa da ambulanza di passaggio: "Salva per un presentimento"

  • Sfrecciano con l'auto sulla Statale 16: nel bagagliaio un monopattino del Comune di Bari, quattro denunciati per furto

Torna su
BariToday è in caricamento