Cronaca

Scommesse sportive per riciclare denaro dei clan, la Procura indaga

Sarebbe questa la pista seguita nell'inchiesta della Procura di Bari cominciata dieci mesi fa sulla base di una segnalazione fatta dal bookmaker Skysport 365. Nel fascicolo al momento sarebbero iscritti dieci indagati con l'accusa di riciclaggio

Non solo partite di calcio, ma anche di basket e di tennis nell'inchiesta sulle scommesse illegali aperta dieci mesi fa dalla Procura di Bari in seguito ad una segnalazione fatta dal bookmaker Skysport 365, lo stesso citato nell'inchiesta sul calcio scommesse della Procura Cremona, nell'ambito della quale fu arrestato anche il calciatore barese Antonio Bellavista.

Secondo quanto si è appreso da fonti giudiziarie, l'obiettivo degli scommettori coinvolti nell'inchiesta non sarebbe stato quello di influenzare gli esiti delle partite, quanto piuttosto quello di riciclare denaro proveniente dalle attività illecite dei clan locali, in particolare del clan Parisi-Stramaglia.

Nel mirino degli investigatori in particolare la partita di coppa Italia Bari-Livorno (4-1) del primo dicembre 2011, mentre nessuna conferma si è avuta su altri incontri finiti nelle indagini.

Il fascicolo d'indagine, per il momento nelle mani del procuratore generale Antonio Laudati, vede iscritti dieci indagati per il reato di riciclaggio. Obiettivo della magistratura barese è dunque quello di verificare se le puntate anomale denunciate da Skysport 365, e non solo quelle, siano state un modo per riciclare il denaro del clan Parisi di Bari che da tempo avrebbe deciso di investire sul business delle scommesse sportive aprendo agenzie trasformate, a loro insaputa, in 'lavatrici' per ripulire i soldi sporchi provenienti da attività illecite.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scommesse sportive per riciclare denaro dei clan, la Procura indaga

BariToday è in caricamento