menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La pianista Paola Bruni (Fonte https://www.paolabruni.it)

La pianista Paola Bruni (Fonte https://www.paolabruni.it)

Monopoli dice addio alla pianista Paola Bruni: era docente al Conservatorio 'Nino Rota'

Originaria del Ravennate, ma pugliese d'adozione, è scomparsa a 55 anni. Il Conservatorio: "Persona di squisita sensibilità e grande umanità"

La musica pugliese perde una grande interprete: Paola Bruni è scomparsa ieri a 55 anni, dopo aver combattuto a lungo con la malattia. Ravennate di nascita (era nata ad Alfonsine), ma ormai da tempo 'adottata' da Monopoli, dove si era trasferita insieme al marito. A darne notizia per primo è stato il Conservatorio 'Nino Rota' di Monopoli, dove la Bruni insegnava pianoforte, lingua straniera comunitaria (inglese) e dizione per canto di francese e tedesco. "Il presidente, il direttore, il personale docente ed amministrativo, gli studenti tutti annunciano costernati la scomparsa di Paola Bruni, pianista dalla prestigiosa carriera internazionale, apprezzata docente, persona di squisita sensibilità e grande umanità" scrivono sui social dal Conservatorio. I funerali si sono tenuti in mattinata nella chiesa di Sant'Antonio a Monopoli.

La carriera

La compianta pianista aveva alle spalle una lunga carriera di successi, costellata di premi vinti nei concorsi nazionali e internazionali (Coppa Pianisti d’Italia a Osimo nel 1982 e il primo premio assoluto nel Concorso Pianistico internazionale “Alessandro Casagrande” di Terni, per fare due esempi). Nel 2008, con una cerimonia svoltasi al Teatro Capranica di Roma, riceve il Premio Internazionale “Foyer des Artistes 2008” per la carriera e l’alto livello delle sue esecuzioni, preceduto dal Premio “Cattedrale d’Argento” conferitole a Trani dalle Associazioni Musicali della regione Puglia.

La musicista aveva anche un'importanyte attività cameristica alle spalle,con collaborazioni con nomi quali Felix Ayo, Enrico Dindo, Danilo Rossi, Kemal Gekic, Massimo Quarta, Fabrizio Meloni, Ivanna Speranza, Vittorio Cerasa, facendo anche parte, in formazione stabile e quale artefice fondatrice di essi, del Quartetto Schumann e del Trio Sunrise (pianoforte e due sassofoni). Era stata inoltre invitata spesso a tenere masterclasses in tutto il mondo, dal Sud Africa agli USA, passando per Cina, Giappone, Corea del Sud, Spagna, Olanda, Finlandia, Romania e Germania, oltre a far parte delle giurie di concorsi nazionali ed internazionali (Gina Bachauer – Salt Lake City 2008, Piano Festival Competition – Shangai 2011, Concorso Pianistico Internazionale – San Marino 2014).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento