Scomparso da cinque giorni, i familiari organizzano una "catena umana" per ritrovare Gaetano Addante

L'appuntamento è per domattina a San Giorgio, nelle vicinanze del ponte del Pantano, per esplorare la zona adiacente alla ferrovia. La cella del cellulare del 60enne indica proprio la zona a sud di Bari

Proseguono le ricerche, da 5 giorni, per ritrovare Gaetano Addante, scomparso nella serata del 15 ottobre da Capurso. I familiari  e le Forze dell'Ordine sono impegnati costantemente per riportarlo a casa. Il cellulare del 60enne, avrebbe agganciato la cella di San Giorgio. Nell'ultima telefonata ricevuta dai parenti, sembrava che nelle vicinanze vi fosse il rumore di un treno ma Gaetano non sarebbe stato in grado di spiegare dove fosse.

I familiari, per questa ragione, hanno organizzato una "grande catena umana" domattina alle 8, per perlustrare metro per metro la zona. L'appuntamento, è vicino al ponte del Pantano, a poca distanza dalla piscina 'I Delfini', per controllare la zona attorno alla ferrovia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabiniere in auto con la cocaina, sorpreso dai colleghi durante un controllo: arrestato

  • Rapina finisce nel sangue a Bari: vittima si rifiuta di consegnare il denaro, accoltellato alla gola e alle gambe

  • Maxi operazione dei carabinieri tra Bari e Altamura: 50 arresti tra capi clan e affiliati, scacco matto ai D'Abramo-Sforza

  • Sangue e lacrime sulle strade del Barese: vittime perlopiù giovanissime, per gli incidenti stradali si muore di più

  • Ramo si spezza per il forte vento e lo investe in pieno: un morto nel Barese

  • Operazione antimafia nel Barese: 54 arresti e due anni di indagini, così è stato disarticolato il clan D'Abramo-Sforza

Torna su
BariToday è in caricamento