Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Rivolta al Cara, la Procura chiede la convalida degli arresti

I 28 fermati per le violenze scoppiate lunedì scorso fuori dal centro di accoglienza di Palese non saranno processati per direttissima. I pm inquirenti hanno chiesto la convalida dei fermi per compiere ulteriori approfondimenti

La Procura di Bari ha chiesto la convalida degli arresti per i 28 immigrati fermati lunedì scorso dopo le violenze scoppiate all'esterno del Cara di Palese. I pm titolari del fascicolo di indagine aperto ieri hanno motivato la richiesta con la necessità di compiere ulteriori approfondimenti, a cominciare da una precisa identificazione delle persone fermate, circostanza che rende quindi impossibile il processo per direttissima.

Gli inquirenti che in queste ore hanno analizzato filmati e fotografie degli scontri al fine di inviduare le responsabilità degli indagati, hanno parlato di "elementi significativi" emersi dalle indagini. Nei tafferugli di lunedì, durante i quali gli immigrati hanno bloccato tangenziale e linea ferroviaria e lanciato sassi sui poliziotti, sono rimaste ferite 98 persone tra manifestanti e forze dell'ordine.


I 28 immigrati dovranno rispondere, a vario titolo, di violenza e resistenza a pubblico ufficiale aggravata dal numero di persone e dall'uso di armi improprie (spranghe di ferro e sassi), minacce, interruzione di pubblico servizio (blocco di strade e linee ferroviarie), danneggiamento, violenza privata, lesioni personali aggravate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rivolta al Cara, la Procura chiede la convalida degli arresti

BariToday è in caricamento