menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assistenti a quattro zampe 'in cattedra', il cane a scuola guida i bimbi alla scoperta di regole ed emozioni

Le attività promosse dalla cooperativa Aipet hanno coinvolto 27 piccoli alunni dell'istituto comprensivo 'Don Milani' del San Paolo: un percorso speciale per sviluppare il rispetto di sé e dell'altro e imparare a stare insieme

Dalla scoperta del 'mondo del cane' a quella delle proprie emozioni, per sviluppare il rispetto di sè e dell'altro ed imparare a stare insieme. Un percorso che ha coinvolto 27 piccoli alunni dell'istituto comprensivo 'Don Milani', del quartiere San Paolo, guidati da speciali 'assistenti a quattro zampe'.

A promuovere le attività, articolate in una serie di laboratori che hanno coinvolto anche ragazzi con disabilità o in condizioni di disagio, la cooperativa Aipet,che ieri ha presentato i risultati del progetto di educazione assistita con il cane: alla presentazione hanno preso parte, tra gli altri, Caterina Pucci, responsabile di progetto per Aipet, il dirigente scolastico Zoraide Cappabianca, il consigliere del Municipio 3 Stefano Franco.

Diverse le tematiche toccate nel corso dei laboratori. In particolare, nei primi tre incontri sono stati presentati e spiegati 'gli oggetti del cane', con giochi ed attività che hanno permesso ai bambini di acquisire competenze e abilità da poter poi applicare nel loro contesto sociale. Dal quarto incontro è stato introdotto il tema del 'rispetto' in tutte le sue sfaccettature, dal rispetto del corpo, a quello dello spazio e degli oggetti, per arrivare al rispetto dei sentimenti: nel relativo laboratorio ciascun bambino, dopo aver pescato una carta con sopra raffigurata un’emozione, doveva raccontare un episodio vissuto. Tale attività è stata accompagnata dal racconto di ciò che al cane piace fare e in quali contesti prova i sentimenti trattati. Tale tema ha permesso agli operatori di affrontare, discutere ed elaborare importanti temi quali la rabbia, la tristezza, la noia che spesso non vengono ben gestite portando i minori a vivere uno stato di insoddisfazione personale.

Molteplici gli obiettivi raggiunti attraverso le attività, come spiegano gli esperti di Aipet (i laboratori sono stati condotti e coordinati da un’équipe della cooperativa composta da due psicologhe e un coadiutore dell’animale): dal rispetto delle regole di convivenza civile con i compagni e gli animali allo sviluppo di capacità empatiche e alla riduzione di oppositività ed aggressività, dall’acquisizione di nuove conoscenze alla stimolazione dello spirito di squadra, al miglioramento dell’autostima e del senso di altruismo e accudimento, fino allo sviluppo della motricità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Attico di lusso nel cuore di Bari: un sogno a due passi dal mare dove il fascino dell'antico si sposa all'eleganza del moderno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento