Una nuova scuola materna a Palese, partono i lavori in via Macchie

Questa mattina l'avvio del cantiere: la nuova struttura sorgerà al posto del vecchio edificio, demolito nel 2006 a causa della presenza di amianto

Sono partiti questa mattina i lavori per la costruzione della nuova scuola materna in via Macchie, a Palese. La nuova struttura sorgerà al posto del vecchio edificio, demolito nel 2006 a causa della presenza di amianto. All'avvio del cantiere erano presenti il sindaco Antonio Decaro, gli assessori ai Lavori Pubblici Galasso e alle Politiche giovanili Romano, il presidente del V Municipio Giovanni Moretti e alcuni consiglieri municipali del territorio. 

IL PROGETTO - Nel piano di costruzione della nuova scuola è stata prevista l’acquisizione di un’area libera adiacente, di quasi 400 mq, che si aggiunge agli oltre 550 del suolo iniziale, per destinare uno spazio maggiore alle attività ludico-ricreative. La progettazione della struttura, che disporrà di due sole sezioni, ha cercato di ridurre al minimo l’impiego di risorse materiali non rinnovabili, puntando al massiccio riutilizzo delle risorse naturali. Lo spazio destinato a ciascuna sezione ha la possibilità di aprirsi, tramite pareti scorrevoli, verso l’atrio centrale, favorendo attività alternative, attività allargate e scambi. Lo spazio centrale è destinato ad attività ludiche che consentano una buona educazione psico-motoria dei bambini. Lo spazio per la mensa, infine, è ugualmente modulabile così da consentire di organizzare il pranzo nelle singole sezioni oppure di attrezzare la mensa con i tavolini solo al momento del pranzo. Il rapporto con l’esterno sarà invece assicurato da grandi porte-vetrate. L’area esterna disporrà di un piccolo teatrino e di spazi liberi che, all’occorrenza, potranno ospitare dibattiti, rappresentazioni e lavori comuni. I lavori impiantistici riguarderanno sia la rete fognante e pluviale, sia gli impianti antincendio, antintrusione e irrigazione. La scuola sarà dotata di un impianto fotovoltaico generale e di pannelli solari per la generazione di acqua calda. L’importo complessivo dei lavori, la cui durata è stimata in un anno circa, è pari a 900mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sarà una struttura moderna - ha commentato Decaro - dove i bambini troveranno un ambiente luminoso e confortevole, uno spazio dedicato alla mensa e sarà realizzata con materiali rinnovabili". "Avevamo preso con i cittadini di questo quartiere un impegno importante, che oggi stiamo mantenendo, ed è solo un piccolo pezzo del più ampio progetto di riqualificazione che interesserà il quartiere. Su tutta la città stiamo portando avanti un piano generale di razionalizzazione degli edifici scolastici, a tal proposito presto inizieranno anche i lavori per l’asilo di San Girolamo".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparse da ieri a Bari: ritrovate le due ragazzine di 15 anni

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Uccide fidanzato della ex, accoltella la ragazza e il padre della vittima. arrestato 26enne a Bitetto

  • Pestato brutalmente per strada, morto dopo due giorni di agonia in ospedale. arrestato pregiudicato al San Paolo

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento