Scuole baresi verso la riapertura, quasi ultimati gli interventi di edilizia in 45 istituti cittadini: "Tutto pronto per il 24 settembre"

Il punto del Comune sui cantieri avviati nei diversi Municipi, grazie al finanziamento di un milione e 220mila euro ottenuto dal Ministero in due tranche

Sono quasi tutti ultimati gli oltre 100 cantieri di edilizia leggera relativi alle scuole cittadine. A fare il punto sui lavori è il Comune: si tratta - spiegano da Palazzo di Città - di interventi utili all’adeguamento degli spazi, necessari ad accogliere gli studenti secondo le norme e le indicazioni previste dal Ministero e dalle autorità competenti. Complessivamente sono 45 i plessi scolastici individuati, rispettivamente dieci per il Municipio I e per il Municipio II, 12 per il Municipio III, 3 per il Municipio IV e altri dieci per il Municipio V.  L’importo dei lavori eseguiti rientra nei finanziamenti ottenuti dal Ministero in due tranche e ammonta a 1 milione e 220mila euro complessivi: circa 700mila euro sono stati impegnati per le lavorazioni edili, mentre la restante parte è servita all’acquisto degli arredi necessari che saranno consegnati nel mese di ottobre. (L'elenco delle scuole interessate e degli interventi)

“Sono state tante e diversificate le lavorazioni effettuate in questi mesi nelle scuole - commenta l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso -. I cantieri sono tutti terminati nei Municipi III e V e in gran parte delle scuole presenti negli altri territori: sostanzialmente mancano alcuni dettagli per pochissimi istituti e, in ogni caso, i lavori termineranno il 23 settembre, cioè un giorno prima dell’avvio dell’anno scolastico. Entrando più nel dettaglio degli interventi eseguiti, 3 sono i plessi dotati di un nuovo ingresso, 2 le scuole con un nuovo sistema di automazione dei cancelli e dell’impianto dei citofoni, in 4 istituti le operazioni hanno riguardato la creazione di pareti divisorie per allestire nuove aule, in 2 edifici abbiamo realizzato delle schermature frangisole, in diversi casi sono stati spostati condizionatori, ventilconvettori e radiatori, in molti altri sono state invece ritinteggiate le pareti delle aule. In altri 4 plessi gli interventi hanno interessato la realizzazione ex novo dei servizi igienici, in molti casi la riattivazione di bagni inutilizzati e lo spostamento di lavagne Lim, mentre in 12 istituti sono state operate demolizioni di pareti e setti. Sono 25 le scuole su cu siamo intervenuti per rifare gli impianti elettrici e sostituire i corpi illuminanti, 10 quelle in cui sono state riconfigurate complessivamente le aule, 3 i plessi interessati dal ripristino di rampe inutilizzate e riservate all’accesso agli edifici di studenti con disabilità. Infine in 7 scuole abbiamo dovuto effettuare interventi di risanamento dell’intonaco, mentre in un solo edificio abbiamo trasformato la mensa scolastica in aule.  A questi lavori si aggiungono quelli realizzati dalla Bari Multiservizi, dall’inizio del lockdown sino ad oggi. Un arco temporale di quasi sette mesi durante i quali sono stati effettuati 2309 interventi, di cui 366 di tipo edile, 404 ad opera degli elettricisti, 473 dei fabbri, 493 dei falegnami, 468 degli idraulici e 105 da parte degli imbianchini. Una media di circa 10 interventi al giorno eseguiti sfruttando al meglio il lungo periodo di chiusura delle scuole. Per questo vogliamo ringraziare tutte le maestranze e i tecnici che hanno seguito lavori, gli uffici comunali che hanno curato le procedure di esecuzione, i dirigenti scolastici con cui ci siamo interfacciati e tutti coloro che, a vario titolo, hanno consentito di portare avanti, in tempi ristretti, cantieri fondamentali per la ripresa delle attività scolastiche”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Stiamo cercando di farci trovare pronti per il suono della prima campanella previsto nella nostra regione per il 24 settembre - spiega l’assessora alle Politiche educative Paola Romano -. In questi mesi estivi abbiamo condotto una ricognizione generale di tutte le esigenze del territorio grazie ai dirigenti scolastici, agli uffici comunali e all’Ufficio scolastico regionale. Siamo riusciti, quindi, a ricavare un quadro delle situazioni che necessitavano di interventi più urgenti e a calendarizzare così gli interventi che potranno essere terminati entro il 20 settembre, data in cui tante scuole saranno utilizzate anche per l’appuntamento elettorale. I lavori programmati riguardano la realizzazione di percorsi di ingresso e di uscita in sicurezza, la creazione e l’adeguamento degli spazi nei casi in cui le classi particolarmente numerose dovranno essere divise, l’installazione di nuovi infissi o di accessori per migliorare la qualità degli spazi esistenti e l’adeguamento o la realizzazione di nuovi impianti. In tutte le scuole comunali, invece, arriveranno i nuovi arredi che andranno a completare i nuovi spazi per la didattica e la gestione dei bambini. Contemporaneamente si sta lavorando anche sugli spazi dedicati alla refezione scolastica che saranno dotati di zanzariere e nuove protezioni per gli infissi. Stiamo lavorando a ritmo serrato per l’appuntamento con il nuovo anno scolastico”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stop a palestre, cinema, teatri e piscine, ristoranti chiusi alle 18: il nuovo dpcm in arrivo già in serata?

  • Incidente mortale nella notte a Japigia: 20enne sbalzato dalla moto muore sul colpo

  • Le mani della criminalità organizzata sul settore agroalimentare in Puglia: 48 arresti

  • Da lunedì stop alla didattica in presenza per gli ultimi 3 anni delle superiori, Emiliano: "Rallentiamo i contagi covid"

  • Covid, Emiliano chiude tutte le scuole in Puglia: da venerdì 30 ottobre stop alla didattica in presenza

  • "Servono misure severe ovunque in Italia": anche Emiliano segue la 'via De Luca' e non esclude il lockdown

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento