menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Studenti diversamente abili, protesta davanti alla Regione: "Da ottobre trasporto e attività"

Manifestazione sul Lungomare organizzata dalle associazioni e dai genitori dei ragazzi. Dopo un incontro raggiunta l'intesa per l'avvio a scaglioni dei servizi che coinvolgeranno oltre 400 giovani

Genitori di ragazzi diversamente abili, assieme ai loro figli e alle associazioni, hanno protestato, questa mattina, davanti alla sede della Presidenza della Regione Puglia, sul lungomare Nazario Sauro di Bari. per chiedere l'avvio delle attività didattiche e di trasporto per il nuovo anno scolastico. Una telenovela che si sta ripetendo ogni anno, in particolare dopo la 'confusione' delle competenze dal passaggio della Provincia di Bari alla Città metropolitana, avvenuto a inizio 2015, con le prime che per decenni avevano una competenza approfondita e specifica sul settore. In tutto sono coinvolti circa 420 ragazzi e altrettanti educatori, di cui un'ottantina per gli studenti audiolesi e videolesi, e circa 350 per gli alunni con difficoltà motorie.

"Abbiamo manifestato per sostenere il diritto dei nostri ragazzi di andare a scuola - ha spiegato Giuseppe Schino, delegato della Consulta Disabili della Città di Bari - Non possiamo manifestare ogni anno per vederli riconosciuti. Chiediamo alla Regione e alla Città Metropolitana di mettere il servizio a regime. La storia va avanti da un anno e mezzo, dall'abolizione delle Province. L'importante è organizzarsi per tempo". Una delegazione dei manifestanti è stata quindi ricevuta da Anna Maria Candela, dirigente regionale dell'assessorato al Welfare, con cui sono state concordate le date di inizio del servizio. Dal 4 ottobre vi sarà il trasporto (la convenzione tra Regione e ditta appaltatrice è stata firmata il 22 settembre), dal 10 saranno attivi gli assistenti per audiolesi e videolesi mentre dal 18 saranno assunti, a scaglioni, gli educatori. La previsione più ottimista è che la normalità del trasporto e dei servizi possa arrivare verso novembre, comunque in ritardo di circa due mesi rispetto all'avvio dell'anno scolastico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento