Lavori abusivi nella villa in area sottoposta a vincolo paesaggistico: scattano i sigilli a Capitolo

Il sequestro operato dalla Guardia costiera: nella villa, con accesso diretto al mare e occupante un'area di circa 2mila metri quadri, accertate opere non autorizzate o "difformità di realizzazione" in altri casi

Il personale della Guardia Costiera del Nucleo Operativo di Polizia Ambientale della Direzione Marittima di Bari ha sequestrato questa mattina a Monopoli, in località Capitolo, una villa con accesso diretto al mare occupante un’area di circa 2mila metri quadri (giardino incluso), ubicata in area sottoposta a vincolo paesaggistico e confinante con il demanio marittimo.

Il sequestro preventivo, operato con il coordinamento della Procura della Repubblica di Bari e su disposizione del Tribunale di Bari, si è reso necessario "a seguito dell’accertamento di reati in campo edilizio, demaniale e paesaggistico". In particolare, il personale del N.O.P.A. della Guardia Costiera avrebbe accertato l’abusiva realizzazione di talune opere e notevoli difformità nella realizzazione di altre, tra cui: una dependance, un deposito con area destinata alla cottura di alimenti, numerose tettoie, la pavimentazione dell’area circostante la villa, lavori di ammodernamento di tutta la struttura. Il proprietario, nativo e residente a Castellana Grotte, è stato iscritto nel registro degli indagati. 

(foto di repertorio)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Muore a 53 anni l'avvocata Antonella Buompastore, ex proprietaria del Kursaal Santa Lucia

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Marito e moglie affetti da covid morti a distanza di 4 giorni, Bitonto in lutto

  • Bari, smantellato traffico internazionale di droga: 15 arresti, sequestri di beni per 3,5 milioni

Torna su
BariToday è in caricamento