menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maxi sequestro di hashish al casello Bari Nord della A14: un arresto

Occultati in dei vani ricavati nella merce trasportata c'erano 1200 kg di sostanza stupefacente destinata al mercato pugliese: in manette un cittadino spagnolo

Nella nottata di martedì la Guardia di Finanza ha messo a segno un ingente sequestro di hashish.

Durante un controllo all’uscita del casello autostradale Bari Nord dell'Autostrada A14, gli uomini delle Fiamme Gialle hanno fermato il conducente di un autoarticolato con targa spagnola adibito al trasporto di numerosi colli costituiti da pannelli in legno truciolare.

Dal controllo dei documenti di trasporto della merce è emerso che il carico era destinato ad una ditta con sede a Parma, una circostanza che rendeva quantomeno sospetta la presenza del mezzo pesante in territorio pugliese. Particolare che non è sfuggito agli investigatori che hanno immediatamente iniziato dei controlli specifici utilizzando anche delle unità cinofile.

>> IL VIDEO DEL SEQUESTRO <<

Il controllo dei finanzieri ha così consentito di rinvenire, occultato in appositi vani ricavati fra le pile di pannelli in legno, un ingente quantitativo di hashish pari a 1.200 kg.

Lo stupefacente, era con tutta probabilità destinato a soddisfare le richieste del mercato pugliese in vista del periodo estivo ed ha un valore all’ingrosso di circa 3,5 milioni di euro, mentre al dettaglio, avrebbe generato un introito illecito di oltre 13 milioni di euro.

Lo stupefacente e’ stato sottoposto a sequestro unitamente al mezzo utilizzato per il trasporto, ed al carico di copertura, mentre il conducente del tir, un uomo di nazionalita’ spagnola nato nel 1977 e originario di Siviglia, è stato arrestato e trasportato nel carcere di Bari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento