menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertoirio

Immagine di repertoirio

Traffico e vendita illegali di sostanze dopanti per bodybuilder: sequestri anche in Puglia, tre arresti

L'inchiesta ha origine da una precedente attività investigativa nella quale numerosi bodybuilder agonisti del Torinese erano stati trovati in possesso di un ingente quantitativo di farmaci anabolizzanti

Perquisizioni e sequestri anche in Puglia nell'ambito dell'inchiesta dei Nas di Torino su un traffico di anabolizzanti in tutta Italia. Tre persone sono finite agli arresti domiciliari. Complessivamente sono 32 gli indagati. L'inchiesta ha origine da una precedente attività investigativa nella quale numerosi bodybuilder agonisti del Torinese erano stati trovati in possesso di un ingente quantitativo di farmaci anabolizzanti, ottenuti anche mediante l’uso di applicazioni su smart-phone.

La minuziosa attività di analisi di chat su app social ha consentitodi risalire ad una fitta rete dedita al traffico di sostanze dopanti, su tutto il territorio nazionale, individuando alcuni strategici trafficanti e diversi spacciatori che operano su larga scala. In particolare, a seguito di alcune preliminari perquisizioni mirate a carico di soggetti ritenuti centrali, veniva rinvenuto e sequestrato un ingente quantitativo di farmaci anabolizzanti, definendo investigativamente tre distinti filoni di fornitura, che confluivano sul medesimo soggetto, rispettivamente insistenti in Puglia, Sicilia e Veneto. I tre canali erano gestiti mediante profili facebook “civetta”, nel quale erano illustrati e pubblicizzati farmaci anabolizzanti al fine di attrarre il potenziale cliente il quale, dopo un primo contatto, veniva indirizzato su una chat criptata. Tutti i pagamenti avvenivano tramite carte Postepay e bonifici Western Union. Le spedizioni dei plichi venivano effettuate tramite ignari servizi di corriere espresso.

(Immagine di repertorio)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento