menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Petruzzelli: sequestrati beni per 370mila euro all'ex direttore del teatro Vito Longo

Il provvedimento richiesto dalla Corte dei Conti di Bari è avvenuto per recuperare le somme di denaro pubblico spese ingiustificatamente dall'ex direttore amministrativo della Fondazione

La Guardia di Finanza su disposizione della Corte dei Conti di Bari ha disposto un sequestro conservativo di beni immobili del valore di 373 mila euro nei confronti di Vito Longo, l'ex direttore amministrativo del teatro Petruzzelli di Bari, implicato nelle due indagini, penale e contabile, su presunte tangenti ricevute in cambio di appalti.

Nello specifico il sequestro riguarda beni personali di Longo, consistenti in due immobili siti a Bari, oltre ad ogni eventuale ragione di credito con l’INPS e con la Fondazione Petruzzelli. L’udienza di convalida del sequestro, che riguarda beni immobili e crediti, è fissata al prossimo 21 giugno.

La vicenda trae origine da una segnalazione della stessa Fondazione Petruzzelli, che segnalava come Longo avesse speso enormi somme per “spese varie” e di rappresentanza, senza alcuna giustificazione e senza rispettare le regole interne sull’autorizzazione della spesa. Gli accertamenti compiuti, in effetti, hanno dimostrato come il dirigente abbia, nel periodo 2010/2015, gestito il danaro pubblico della detta Fondazione esorbitando dai poteri conferitigli.

Dall'indagine sono emerse spese abnormi ed ingiustificate per l’acquisto di materiale di consumo da un unico fornitore (per oltre 231.000 euro), nonchè spese di rappresentanza soprattutto presso un noto ristorante per circa 142.000 euro, per un totale di oltre 373.000 euro.

Oltre ai beni sequestrati a Longo è stata notificata una diffida al risarcimento dell’intero danno accertato - oltre interessi e rivalutazione monetaria – insieme ad un “invito a dedurre”, formulato dalla Procura Contabile.

«La Fondazione Petruzzelli - si legge in una nota - ha deciso di costituirsi in giudizio al fianco della Procura della Corte dei Conti, chiedendo il patrocinio all’Avvocatura Distrettuale di Bari».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento