Cronaca Santeramo in Colle

Tre tonnellate di 'botti' proibiti nel casolare di campagna: sequestro a Santeramo

La scoperta dei finanzieri: il deposito di attrezzi agricoli era in realtà una santabarbara: tre persone sono state denunciate

A prima vista sembrava un normale magazzino, un deposito di attrezzi agricoli nelle campagne di Santeramo in Colle. In realtà era una santabarbara, in cui erano custoditi fuochi d'artificio proibiti di ogni tipo.

A scoprire l'insospettabile nascondiglio sono stati i Finanzieri del Comando Provinciale di Bari, che dopo indagini, riscontri e appostamenti, hanno rinvenuto e sequestrato nel locale oltre 3 tonnellate  di fuochi d’artificio e materiale esplodente illegalmente detenuti. Al momento dell’accesso nella struttura, sono stati rinvenuti anche fuochi d’artificio pronti per la vendita al dettaglio in Puglia e Basilicata.

Per tre persone (una delle quali già gravata da specifici precedenti di polizia), che utilizzavano l’immobile, è scattata la denuncia alla locale Procura della Repubblica per le ipotesi di fabbricazione, commercio abusivo ed omessa denuncia di materie esplodenti.

L’operazione si inquadra tra le attività condotte dalla Guardia di Finanza e dalle altre Forze di Polizia, per contrastare la detenzione e la vendita di materiale esplodente sul territorio della provincia, in concomitanza con le festività natalizie e di fine anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre tonnellate di 'botti' proibiti nel casolare di campagna: sequestro a Santeramo

BariToday è in caricamento