Sequestrati rifiuti nel porto di Bari: scoperte 16 tonnellate di carta e cartone "senza tracciabilità"

Controlli di funzionari delle Dogane e Guardia di Finanza: la merce, diretta a Lucca, era in un autoarticolato proveniente dalla Grecia, appena sbarcato in Puglia

Circa 16 tonnellate di scarti di carta e cartone sono stati sequestrati da funzionari dell'Ufficio delle Dogane e militari della Guardia di Finanza nel porto di Bari: il carico è stato scoperto su un autoarticolato bulgaro proveniente dalla Grecia che aveva come mittente una ditta svizzera con sede a Losanna e destinatario una società della provincia di Lucca. La merce, in base ai controlli effettuati da doganieri e finanzieri, non era accompagnata da specifiche informazioni circa l’origine, la destinazione, l’itinerario e la tipologia di trattamento cui assoggettare i rifiuti nel luogo di destinazione. Denunciato per traffico illecito di rifiuti il legale rappresentante della società importatrice.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Muore a 53 anni l'avvocata Antonella Buompastore, ex proprietaria del Kursaal Santa Lucia

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Bari, smantellato traffico internazionale di droga: 15 arresti, sequestri di beni per 3,5 milioni

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

Torna su
BariToday è in caricamento