Microcellulari nascosti in cella, due detenuti baresi scoperti durante perquisizione nel carcere di San Severo

I due apparecchi, completi di scheda e caricabatteria, sono stati rinvenuti dalla polizia penitenziaria durante controlli straordinari

Nascondevano in cella due microcellulari, completi di scheda telefonica e caricabatterie. Due detenuti baresi sono stati scoperti e denunciati dalla Polizia penitenziaria durante una perquisizione straordinaria avvenuta nel carcere di San Severo.

A darne notizia è il Segretario Regionale per la Puglia del Sindacato C.G.I.L. di Polizia Penitenziaria Gennaro Ricci: “Nella serata di martedì 21 aprile la Polizia Penitenziaria in servizio presso la Casa Circondariale di San Severo, con spiccata professionalità e scaltrezza, è riuscita a rinvenire e a sequestrare due micro-cellulari e un caricabatterie perfettamente funzionanti e a denunciare due detenuti di origini baresi”. “Questo fa comprendere, prosegue Gennaro Ricci, come l’attività di intelligence e di controllo del carcere da parte della Polizia Penitenziaria diviene fondamentale.  “Un plauso – conclude Ricci - va al Comandante di Reparto  e a tutto il Personale del Corpo di Polizia Penitenziaria per la brillante operazione, considerato il momento di assoluta emergenza causato dalla pandemia da COVID- 19 che ha particolarmente influito sul clima lavorativo in ambito penitenziario”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

Torna su
BariToday è in caricamento