Cronaca

Venti tonnellate di cozze senza etichetta nascoste in un tir: maxisequestro al porto

Operazione della Guardia Costiera. Il carico era contenuto in un tir con targa bulgara e un marchio di un'azienda produttrice di latte e yogurt. Il carico era senza elementi riguardanti la provenienza dei mitili

Venti tonnellate di cozze nere, senza alcuna informazione che ne ricostruisse la provenienza, sono state sequestrate dalla Guardia Costiera nel porto di Bari: la merce era nascosta in un camion termo-refrigerato, con targa bulgara e un marchio di un'azinda produttrice di latte e togurt. All'apertura del rimorchio, i militari hanno rinvenuto un carico contenente i mitili. L'autista, un 40enne di nazionalità rumena, è stato identificato e multato, assieme alla società esportatrice greca. Le analisi condotte dal servizio veterinario dell'Asl hanno contatato "l'effettivo rischio per la salute" di chi avrebbe poi acquistato i frutti di mare: dopo il sequestro, i mitili ancora vivi sono stati gettati in mare al largo del capoluogo pugliese.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Venti tonnellate di cozze senza etichetta nascoste in un tir: maxisequestro al porto

BariToday è in caricamento