Venti tonnellate di cozze senza etichetta nascoste in un tir: maxisequestro al porto

Operazione della Guardia Costiera. Il carico era contenuto in un tir con targa bulgara e un marchio di un'azienda produttrice di latte e yogurt. Il carico era senza elementi riguardanti la provenienza dei mitili

Venti tonnellate di cozze nere, senza alcuna informazione che ne ricostruisse la provenienza, sono state sequestrate dalla Guardia Costiera nel porto di Bari: la merce era nascosta in un camion termo-refrigerato, con targa bulgara e un marchio di un'azinda produttrice di latte e togurt. All'apertura del rimorchio, i militari hanno rinvenuto un carico contenente i mitili. L'autista, un 40enne di nazionalità rumena, è stato identificato e multato, assieme alla società esportatrice greca. Le analisi condotte dal servizio veterinario dell'Asl hanno contatato "l'effettivo rischio per la salute" di chi avrebbe poi acquistato i frutti di mare: dopo il sequestro, i mitili ancora vivi sono stati gettati in mare al largo del capoluogo pugliese.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ladri in casa nel cuore della notte (con i proprietari dentro): è allarme furti nel Barese

  • Il dolore per Ivan, morto in uno schianto in moto a 17 anni: "Ora sei un angelo, ti ricorderemo sempre"

  • Giovane mamma morta dissanguata dopo l'urto contro una vetrata: chiesto processo per il compagno

  • Via gli pneumatici, le auto parcheggiate finiscono 'sospese' sui sassi: ladri in azione a Bari

  • Apre il nuovo 'sottopasso giallo' di Bari Centrale: più largo, con ascensori e aperto anche alle bici

  • Schianto con la moto alla zona industriale: muore ragazzo di 17 anni, ferito l'amico

Torna su
BariToday è in caricamento