Creme sbiancanti, ciglia e parrucche vietate sequestrate in aeroporto: due persone denunciate

Due distinte operazioni nello scalo di Palese: nel primo caso denunciato un cittadino del Burkina Faso proveniente da Istanbul. Nel secondo, rinvenute anche 100 confezioni di pomate non autorizzate

I funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli di Bari, in collaborazione con i militari della Guardia di Finanza, hanno sequestrato numerosi prodotti irregolari giunti all'aeroporto di Bari-Palese. Due distinte operazioni che hanno portato ad altrettante denunce. Nel primo caso, nei bagagli di un cittadino del Burkina Faso proveniente da Istanbul, sono stati rinvenuti 84 flaconi di creme sbiancanti sprovvisti della prescritta certificazione sanitaria. Nei cosmetici, secondo quanto accertato dall'Ufficio di Sanità Marittima e Aeroportuale di Frontiera, nei cosmetici era presente l’idrochinone, sostanza vietata per legge.

Nella seconda operazione, un cittadino di origine nigeriane è stato trovato in possesso di 112 parrucche, 59 confezioni contenenti ciglia “100% human air” e oltre 100 tubi di pomate dichiarate inammissibili all’importazione sempre dall’Ufficio di Sanità Marittima e Aeroportuale di Frontiera.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è il 'paziente 1' in Puglia: era tornato dalla Lombardia, ora è in isolamento in ospedale

  • Due baresi morti nel terribile incidente di Mottola: le vittime sono tre, altrettanti i feriti di cui uno in gravi condizioni

  • Violenta rissa a Bari, volano calci e pugni in strada: arrestati studente universitario e due trentenni

  • Panico da Coronavirus, l'ordine degli psicologi in Puglia lancia l'allarme: "State lontani dai social, veicolano solo terrore"

  • Cinque casi sovrapponibili al coronavirus in Puglia, scatta il censimento per chi arriva dalle regioni del contagio

  • Scontri tra tifosi baresi e leccesi in autostrada a Cerignola: veicoli in fiamme

Torna su
BariToday è in caricamento