Il maneggio del boss nella terra della camorra, sequestro agli eredi di Stramaglia

Sigilli della Dia ad un centro ippico in provincia di Caserta, gestito 'a distanza' dagli eredi del boss Angelo Michele Stramaglia, luogotenente del clan Parisi, ucciso nel 2009. Sequestrati anche sette cavalli da corsa

Sulla carta il centro ippico di Orta di Atella, in provincia di Caserta, era intestato a due fratelli napoletani. Ma di fatto a gestirlo 'a distanza' erano gli eredi del boss Angelo Michele Stramaglia, braccio destro di Savinuccio Parisi, e assassinato nell'aprile 2009.

A curare gli affari era, in particolare, la vedova del boss, la quale non mancava di sollecitare i pagamenti quando i soldi dell'attività, regolarmente versati agli eredi, tardavano ad arrivare. Gli investigatori della Direzione Investigativa Antimafia di Bari hanno intercettato una serie di telefonate tra lei e uno dei fratelli titolari dell'attività, in cui la donna diceva di essersi "stancata a essere presa per i fondelli. Se vengo lì succede il 'quarantotto' - minacciava - perchè noi abbiamo preso degli accordi. Non è un napoletano che mi deve prendere per il culo a me".

Il centro ippico, insieme ad altri beni per un valore complessivo di 2 milioni di euro, è stato sequestrato oggi su disposizione della Dia di Bari dali agenti del Centro Operativo di Bari, in collaborazione con quello di Napoli, Roma e Bologna.

Oltre al maneggio, sono stati sequestrati anche sette cavalli da corsa. Gli animali partecipavano  ai gran premi degli ippodromi sparsi per l'Italia, assicurando alla famiglia Stramaglia denaro fresco da impiegare in altri settori, circa 550mila euro dal 2009 al 2011.

Il centro ippico sequestrato, ha sottolineato il procuratore capo di Bari, Antonio Laudati, si trova in un territorio che è il cuore della Camorra napoletana. Questo lascia ipotizzare collegamenti con i clan campani. Inoltre, hanno sottolineato gli inquirenti, "I cavalli da corsa sequestrati improvvisamente non sono più vincenti", e questo aspetto ha spinto la Procura ad avviare accertamenti sul trattamento dei cavalli prima del sequestro, avviando anche le necessarie procedure per destinare i cavalli a centri di ippoterapia.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento