menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pellet di legno dalla Bulgaria 'spacciato' per italiano: maxi sequestro al porto

Requisite oltre 24 tonnellate di materiale: sui sacchetti, oltre alla bandiera tricolore, anche la dicitura di una fittizia provenienza calabrese della merce

Avevano la dicitura 'prodotto italiano' con tanto di bandiera tricolore ma provenivano dalla Bulgaria i 1600 sacchetti da 15 kg per complessive 24 tonnellate di pellet di legno sequestrati nel porto di Bari durante controlli della Guardia di Finanza e dei funzionari dell'Agenzia delle Dogane. La merce era contenuta in un veicolo giunto nello scalo barese: le buste riportavano anche una dicitura che qualificava il pellet come “lavorazione artigianale di legno vergine e incontaminato ricavato da lavorazioni boschive sui monti delle serre calabresi”. Il legale rappresentante della ditta importatrice della merce, originaria proprio della Calabria, è stato denunciato per vendita di prodotti industriali con segni mendaci. In corso ulteriori indagini per capire le eventuali relazioni tra la ditta importatrice e la ditta produttrice bulgara per risalire alla filiera produttiva del pellet.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"C'è speranza per tutti, persino per voi", l'appello di Checco Zalone per ritrovare il furgone rubato agli atleti di calcio in carrozzina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento