rotate-mobile
Cronaca

Pellet di legno dalla Bulgaria 'spacciato' per italiano: maxi sequestro al porto

Requisite oltre 24 tonnellate di materiale: sui sacchetti, oltre alla bandiera tricolore, anche la dicitura di una fittizia provenienza calabrese della merce

Avevano la dicitura 'prodotto italiano' con tanto di bandiera tricolore ma provenivano dalla Bulgaria i 1600 sacchetti da 15 kg per complessive 24 tonnellate di pellet di legno sequestrati nel porto di Bari durante controlli della Guardia di Finanza e dei funzionari dell'Agenzia delle Dogane. La merce era contenuta in un veicolo giunto nello scalo barese: le buste riportavano anche una dicitura che qualificava il pellet come “lavorazione artigianale di legno vergine e incontaminato ricavato da lavorazioni boschive sui monti delle serre calabresi”. Il legale rappresentante della ditta importatrice della merce, originaria proprio della Calabria, è stato denunciato per vendita di prodotti industriali con segni mendaci. In corso ulteriori indagini per capire le eventuali relazioni tra la ditta importatrice e la ditta produttrice bulgara per risalire alla filiera produttiva del pellet.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pellet di legno dalla Bulgaria 'spacciato' per italiano: maxi sequestro al porto

BariToday è in caricamento