menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pesce senza etichetta e in cattivo stato di conservazione: controlli e sequestri della Capitaneria di porto

Il bilancio delle attività compiute nel mese di dicembre, in vista delle festività natalizie: i controlli si sono concentrati in particolare nel territorio del nord barese, tra Giovinazzo e Molfetta

Pesce messo in vendita senza documenti sulla tracciabilità, oppure in cattivo stato di conservazione. Nel solo mese di dicembre, sono stati in tutto circa 205 i chili di pesce sequestrati dalla Capitaneria di porto nell'ambito dell'operazione 'Countdown', avviata in vista delle festività natalizie.

L’operazione, articolata in due fasi, ha avuto inizio il primo dicembre e ha visto il personale della Capitaneria di porto di Molfetta e dell’Ufficio locale marittimo di Giovinazzo impegnato a mare, in porto, nei mercati ittici, nei ristoranti e nelle pescherie del territorio di propria competenza.

Durante un’attività di controllo a ridosso di Natale, effettuata congiuntamente al personale della Guardia di Finanza della Tenenza di Molfetta presso il mercato coperto “minuto pesce”, sono stati sequestrati circa 135 kg di prodotto ittico per un valore complessivo di circa 2.000 euro. Sono state effettuate una notizia di reato per cattivo stato di conservazione del prodotto , e quattro verbali amministrativi per mancanza di tracciabilità e mancanza della licenza di esercizio commerciale, per un importo complessivo di circa 10.000 euro.

Il personale dell’Ufficio locale marittimo di Giovinazzo, durante un altro controllo al mercato ittico locale, ha sanzionato il titolare di un esercizio commerciale per mancanza dei documenti attestanti la tracciabilità di circa 50 kg di prodotto ittico avente un valore commerciale di circa 650 euro.

Per quanto concerne il controllo in mare, il personale della Capitaneria di porto ha sorpreso un peschereccio che effettuava pesca a strascico sotto costa, a 1.5 miglia anziché 3, effettuando un verbale amministrativo di 4.000 euro e sequestro della rete.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento