Scoperte in un tir greco 6mila paia di scarpe taroccate: scattano i sequestri nel porto di Bari

La Guardia di Finanza, in collaborazione con funzionari dell'Agenzia delle Dogane, ha rinvenuto numerose calzature con marchio Fila perfettamente contraffatto

La Guardia di Finanza, in collaborazione con funzionari dell'Agenzia delle Dogane, ha rinvenuto e sequestrato circa 6mila paia di scarpe con marchio taroccato Fila: il tutto è stato rinvenuto in un tir proveniente dalla Grecia, appena sbarcato da una nave dedicata al trasporto merci. I documenti commerciali rinvenuti sul mezzo indicavano una ditta greca come mittente della spedizione, destinata a un'azienda spagnola. In corso accertamenti al fine di individuare le responsabilità del caso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Barese, ragazzino di 12 anni muore soffocato da una mozzarella

  • Traffico di droga, blitz dei carabinieri nel Barese: smantellata banda, undici arresti

  • Giovane assalita da gruppetto di ragazze per le strade dell'Umbertino: "Erano quindici contro una"

  • Coronavirus, tre nuovi casi in Puglia: due sono in provincia di Bari. Non si registrano decessi

  • Incidente sulla Statale 16, moto urta tir e finisce sull'asfalto: centauro travolto da auto e ferito

  • Fiumi di droga nel Barese, il capo gestiva il sistema dal carcere: acquirenti 'attesi' nella palazzina in centro a Mola

Torna su
BariToday è in caricamento