menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scoperti a fare sesso su bus Amtab: autista licenziato e reintegrato in azienda

Il singolare episodio risale al 2014 quando un conducente venne sorpreso assieme a una donna controllore dai carabinieri, appartati su un bus vuoto

Appartati in bus dell'Amtab in zona San Giorgio e scoperti dai carabinieri mentre fanno sesso: un episodio curioso e incredibile avvenuto su un mezzo dell'azienda di trasporto pubblico barese e che ha visto protagonisti un autista e una donna controllore, beccati insieme su un mezzo della linea 12, diretta a Torre a Mare.

La vicenda, riportata dal Corriere del Mezzogiorno-Bari, risale al 2014 ma ha avuto sviluppi recenti. Il conducente, infatti, inizialmente cacciato assieme alla donna dall'azienda, ha ottenuto il reintegro: prima un ricorso non andato a buon fine, poi la decisione in seconda battuta quando un altro giudice ha chiesto una conciliazione tra le parti.

L'Amtab ha quindi reintegrato a dicembre l'autista multandolo pesantemente e collocando ad altra mansione, rispetto alla guida. Una storia piuttosto singolare ma non l'unica che coinvolge, dal punto di vista disciplinare, un autista Amtab: è stato infatti sospeso, per due giorni, un altro conducente sorpreso a chattare ea fare telefonate con il cellulare mentre era alla guida.

LA NOTA DI AMTAB - In un comunicato diffuso in serata, Amtab ha tuttavia fornito una diversa ricostruzione della vicenda relativa al lavoratore licenziato e reintegrato. "In riferimento alla notizia pubblicata in data odierna da diverse testate giornalistiche, nonché riportata dai notiziari delle emittenti locali, l’Azienda ha il dovere di precisare che nell’anno 2014 non risulta si sia verificato l’episodio in questione (due autisti sorpresi dai carabinieri a fare sesso sul bus), mentre risulta nello stesso anno che nei confronti di un autista è stato adottato il provvedimento del licenziamento a seguito di reiterate inosservanze, comprovate, dei propri doveri di ufficio.  A seguito di ricorso avverso al provvedimento disciplinare adottato, il giudice del secondo reclamo ha proposto una conciliazione tra le parti, a seguito della quale l’Azienda ha assunto ex novo il ricorrente dal 04/11/2016. Si precisa che lo stesso dipendente è stato riassunto con il profilo professionale di Operatore di esercizio (autista), medesima mansione ricoperta precedentemente all’evento contestatogli, e non con mansioni di ufficio come erroneamente riportato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento