rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cronaca

"Diffamò Vendola", Sgarbi condannato a risarcire l'ex governatore: Cassazione conferma sentenza

Diventa definitiva la sentenza con cui la Corte di Appello di Bari, nel marzo 2018 aveva condannato il critico d'arte al risarcimento per alcune affermazioni fatte durante una trasmissione televisiva

E' stata confermata dalla Corte di Cassazione la sentenza a carico di Vittorio Sgarbi, condannato dalla Corte di Appello di Bari a risarcire l'ex presidente della Regione, Nichi Vendola, per diffamazione.

La sentenza, emessa nel marzo 2018, è così diventata definitiva. I fatti risalgono al 2011, quando durante la trasmissione di Rai1, "Ora ci tocca anche Sgarbi", il giornalista Carlo Vulpio (tutt'ora a processo per diffamazione) parlò di presunti interessi mafiosi nel campo delle energie rinnovabili. Sgarbi, ospite del programma, nella trasmissione annuì alle parole del giornalista su un presunto ruolo della Regione Puglia nella gestione del business dell'eolico, mentre giorni prima aveva parlato di una "Puglia massacrata da una forma di criminalità istituzionale che l'ha sfigurata con pale eoliche".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Diffamò Vendola", Sgarbi condannato a risarcire l'ex governatore: Cassazione conferma sentenza

BariToday è in caricamento