menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza, Consiglio monotematico. Dalle piazze del centro chiedono "più controlli"

Nel pomeriggio l'attesa seduta a Palazzo di Città (dopo mesi di rinvio). Il 'giorno dopo' l'attentato a un'agenzia di spedizioni in piazza Moro il Comitato di piazza Umberto chiede più controlli e telecamere funzionanti: "Residenti e commercianti esasperati"

Il boato dell'esplosione che ha danneggiato un centro di spedizioni in piazza Moro, frequentato da cittadini georgiani, è solo l'ultimo dei campanelli d'allarme che da mesi risuonano nel Murattiano e in diversi quartieri della città. Furti e rapine sembrano quasi all'ordine del giorno e la percezione della sicurezza da parte dei cittadini cala sempre più. Questo pomeriggio, in Comune, ci sarà un atteso Consiglio monotematico dedicato proprio all'argomento: doveva essere convocato diversi mesi fa, all'indomani di un attentato incendiario in una rosticceria del quartiere Madonnella, ma, di rinvio in rinvio, si è arrivati fino ad oggi.

Il sindaco Decaro esporrà una relazione sullo stato della sicurezza in città. L'episodio di due giorni fa a due passi dalla stazione, ha turbato ulteriormente cittadini e commercianti di una zona sempre più allo sbando, in cui gruppi criminali di diversa nazionalità si contendono il territorio: "Bisogna aumentare notevolmente i controlli - afferma il presidente del Comitato di Piazza Umberto, Lorenzo Scarcelli - e per questo, da mesi, chiediamo più forze dell'ordine in borghese, perché pattuglie e presìdi non bastano più. Ci domandiamo anche sull'utilità delle telecamere presenti, visto che non funzionano. Serve un programma chiaro per ripristinare la sicurezza nelle tre piazze (Umberto, Moro e Cesare Battisti) e bisogna far presto poiché con l'estate prevediamo un aumento notevole di gente".

Commercianti e residenti sono esasperati, ma la soluzione non passa solo attraverso una stretta sulla microcriminalità e sul degrado, senza inutili e demagogiche tentazioni razziste: "I delinquenti, di qualsiasi nazionalità, non vogliono le persone per bene nelle vicinanze ed è per questo che è necessario non abbandonare le piazze, organizzando iniziative culturali. Piazza Umberto, nel corso degli anni, è cambiata ed ora è un luogo dove differenti culture si confrontano. E' una ricchezza da preservare, che può solo portare aspetti positivi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento