menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una manifestazione per la sicurezza sul lavoro

Una manifestazione per la sicurezza sul lavoro

Crescono morti e infortuni sul lavoro, la Cgil: "Prevenzione e no a ricatti sulla sicurezza"

Il sindacato commenta gli ultimi dati che hanno visto, nel 2016, oltre ventimila feriti e 49 decessi: "Le istituzioni attivino percorsi comuni per evitare tragedie"

Oltre 20mila e 800 ìnfortuni sul lavoro fino ad agosto 2016, oltre 1600 in più rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente e 49 decessi, tre in più del 2015. E' il segretario generale Cgil Puglia, Pino Gesmundo, a commentare i numeri che fotografano lo stato della sicurezza sul posto d'impiego nella nostra regione: "Nell'attacco ai diritti nell'estrema precarizzazione del lavoro si finisce in una spirale odiosa dove si abbattono salari ma anche misure di sicurezza - afferma - . Il ricatto di un reddito a qualunque costo spinge ad accettare qualunque condizione di lavoro e a lucrare sono imprenditori senza scrupoli. Chiediamo alle istituzioni e alle parti datoriali - prosegue Gesmundo - di attivare percorsi comuni che evitino tragedie come quella recente di Francavilla Fontana (in cui è morto un giovane di 24 anni, ndr) partendo dalla prevenzione. La Cgil ha un suo piano e chiediamo che possa essere condiviso. Di certo la giovanissima età di molte vittime di infortuni ci dice di come poco si investa invece sulla formazione del personale e di contro ancor meno sulle misure di sicurezza".

A complicare la situazione anche la precarietà dei contratti: “Siamo certi - prosegue Gesmundo - che in questa casistica incida anche il boom dei voucher. Prendiamo per buono quanto affermato dall'Inail e cioè che in troppi casi la denuncia di infortunio coincide con l'attivazione del buono lavoro, a conferma di come venga utilizzato per coprire lavoro nero e lo si tiri fuori solo alla bisogna. Non è questo il lavoro che serve all'Italia e al Mezzogiorno per superare la fase recessiva. Serve un lavoro di qualità e sicuro. Per questo la Cgil sarà in questi mesi in campo per promuovere i due referendum popolari. Per Liberare il lavoro, per citare lo slogan della campagna - conclude -, anche tara della scarsa sicurezza che per pochi euro di risparmio fa pagare sulla pelle di chi lavora un costo insostenibile".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento