Medici aggrediti e abusivi negli ospedali, riunione in Prefettura. Emiliano: "Servono Forze dell'Ordine"

Se ne è parlato durante il Comitato Provinciale per l'ordine e la sicurezza. Il governatore pugliese: "Ci sono delle norme e vanno rispettate da tutti"

"Siamo qui per migliorare il sistema della sicurezza negli ospedali. C'è bisogno delle Forze dell'Ordine, spesso serve a poco sorvegliare i pronto soccorso con le guardie giurate": il governatore pugliese, Michele Emiliano, chiede provvedimenti per affrontare al meglio le problematiche di sicurezza del personale e dei pazienti dei Servizi Sanitari di Emergenza e urgenza nella regione, ma anche all'esterno delle strutture. Questa mattina si è svolta, infatti, nella Prefettura di Bari, una riunione del Comitato Provinciale dell'Ordine e della Sicurezza per fare il punto della situazione e approntare misure adeguate: "Dove non ci sono posti fissi di polizia - spiega Emiliano - i medici sono esposti all'ira di soggetti che ne mettono in pericolo l'incolumità fisica. Proprio qualche giorno fa c'è stato, tra l'altro, l'anniversario della morte di Paola Labriola", la psichiatra barese uccisa da un paziente quattro anni fa in un centro di igiene mentale del quartiere Libertà di Bari.

"Guardie mediche notturne esposte ai rischi"

Per il governatore è necessario intervenire ma anche utilizzare più il buon senso da parte di chi si reca nei pronto soccorso: "Chiediamo anche ai cittadini - afferma - di rendersi conto che le contraddizioni che possono emergere non vanno risolte picchiando i medici e gli operatori”. Emiliano sottolinea anche la presenza di venditori non autorizzati in alcune strutture sanitarie e di posteggiatori all'esterno, in alcuni casi anche insofferenti ai controlli, come avvenuto al San Paolo, qualche giorno fa, con due vigili urbani aggrediti: "I parcheggiatori abusivi, purtroppo, ci sono ancora - sottolinea - o il commercio abusivo nelle corsie degli ospedali. Ci sono delle norme e vanno rispettate da tutti, in modo che la legalità torni a regnare in questi luoghi. Una particolare attenzione - ha aggiunto Emiliano - va posta anche alle guardie mediche notturne nelle quali i medici, spesso donne, sono particolarmente esposti a causa della solitudine nello svolgimento della funzione. Stiamo collaborando con i consigli degli ordini dei medici di tutta la Puglia e con i sindacati per trovare la giusta soluzione anche a questo problema".

Potrebbe interessarti

  • ''U scazzecappetìte'': sapete cos'è?

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • 7 consigli per eliminare il cattivo odore delle ascelle

  • Animali domestici: le regole da rispettare se vivi in un condominio

I più letti della settimana

  • Si sottopone a operazione per dimagrire, madre 35enne muore dopo bendaggio gastrico alla clinica Mater Dei

  • Battiti Live a Bari, svelato il cast: ecco chi sarà sul palco per il gran finale

  • Punta la pistola contro universitari e pretende di parcheggiare: "Toglietevi da lì", paura per 3 ragazzi a San Pasquale

  • Dal gioco d'azzardo alle estorsioni agli imprenditori: la mappa dei racket dei clan in città

  • Morta dopo intervento per dimagrire alla Mater Dei, indagati 3 medici: domani l'autopsia

  • Furbetti del cartellino all'ospedale San Giacomo di Monopoli: i nomi dei 13 arrestati

Torna su
BariToday è in caricamento