Lunedì, 26 Luglio 2021
Cronaca

Sicurezza scolastica, il Liceo Socrate al primo posto nazionale

L'Istituto barese al vertice della graduatoria stilata da Cittadinanzattiva nel corso del suo XI Rapporto, a parimerito con una scuola elementare di San Lorenzo in Banale (Trento)

C'è un istituto barese in testa all'undicesimo Rapporto su sicurezza, qualità e accessibilità a scuola presentato da Cittadinanzattiva riguardante lo stato degli edifici scolastici nazionali. Si tratta del Liceo Classico Socrate, al vertice della graduatoria con un punteggio di 94/100, a pari merito con la Scuola dell'Infanzia Don Bronzini di San Lorenzo in Banale (Trento).

L'indagine, realizzata proprio da Cittadinanzattiva, in collaborazione con la Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare (Uildm) ha interessato 165 scuole di 18 regioni, tutte ad eccezione di Valle D’Aosta e Liguria, ed è stata condotta da 155 cittadini monitori attraverso 446 indicatori, tra i quali manutenzione, fatiscenza, presenza di barriere architettoniche e stato degli arredi scolastici. L'istituto barese ha ottenuto un punteggio ragguardevole in ogni macroarea di riferimento, in particolare nell'ambito della sicurezza degli edifici, dei percorsi comuni e dei servizi generali e didattici. Ottimi risultati anche nelle macroaree della qualità, della sicurezza interna e delle certificazioni.

Tra le scuole prese in esame bene anche le scuole primarie San Filippo Neri del capoluogo, classificatasi al 20°  postogenerale con 87/100 e 'Balilla' 61° con 80/100. Nell'area del 'discreto' la 'Tommaso Fiore' (79/100), appena sufficiente invece la Marco Polo con 65/100. C'è quindi ancora molto da fare: “Pur apprezzando il grande sforzo compiuto dall’attuale Governo - spiega Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della scuola di Cittadinanzattiva - con lo stanziamento di fondi (150 milioni subito, 300 nel prossimo triennio), è poca cosa rispetto al reale fabbisogno. Basti pensare che il costo di un edificio scolastico di media dimensioni, antisismico, energetico, a norma costa 5 milioni di euro”.

Il riconoscimento al Liceo Socrate però lascia sorpresi i componenti del collettivo Unione degli Studenti: "Ci chiediamo - afferma Arianna Petrosino, un'attivista del gruppo - quanto valga il risultato di una singola scuola a fronte del 60% degli edifici scolastici non a norma. A Bari abbiamo criticità come lo Scacchi e il Santarella mentre in provincia la situazione è disastrosa. Non c'è ancora un piano organico sull'edilizia scolastica. Le cifre stanziate dallo Stato per quest'anno sono, purtroppo, irrisorie se paragonate allo sforzo da affrontare, da complessivi 15 miliardi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza scolastica, il Liceo Socrate al primo posto nazionale

BariToday è in caricamento