Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca Bari Vecchia / Piazza Libertà

Lotta alla criminalità, vertice in Prefettura. Bubbico: "Serve anche l'impegno dei cittadini"

Il vice ministro dell'Interno a Bari per il vertice sulla sicurezza regionale: "Il coinvolgimento della società civile fondamentale per sconfiggere economia illegale e criminalità organizzata"

Criminalità organizzata ed economia illegale sono i "nemici più temibili" per il Mezzogiorno, ma si possono combattere e sconfiggere anche grazie all'impegno e al "coinvolgimento della società civile". A sottolinearlo il vice ministro dell'Interno Filippo Bubbico, che questa mattina in Prefettura a bari ha partecipato al vertice sulla sicurezza regionale.

"Spesso - ha aggiunto - veniamo ingannati dalla considerazione secondo la quale l'insufficienza delle forze di polizia non garantisce la tutela della sicurezza e dell'ordine pubblico. Ma è importante rilevare come i fenomeni più gravi, cioè la presenza e la diffusione della criminalità organizzata, debba costituire un impegno da parte di tutti".

CONTRASTO ALLA CRIMINALITA' E PROTOCOLLI DI LEGALITA' - A questo proposito, parlando dei protocolli di legalità promossi per contrastare il rischio infiltrazioni mafiose nelle attività economiche, Bubbico ha rilevato che "alcune associazioni o articolazioni provinciali afferenti a Confindustria non hanno ancora manifestato la disponibilità" a sottoscrivere tali accordi, strumento fondamentale per la lotta all'economica illegale. "Molti Comuni, nelle realtà dove pure l'iniziativa dei prefetti è stata precisa e puntuale in tal senso, non hanno aderito ai protocolli di legalità e trasparenza", ha aggiunto Bubbico rilevando che per questo "oggi abbiamo deciso di condividere un impegno comune, di aprire un dibattito pubblico, chiamando tutti a esercitare un proprio atto di responsabilità. Perché esistono reati tipizzati o tipizzabili, rispetto ai quali il comportamento di ciascuno è rilevante".

"IMPORTANTE COLLABORARE E DENUNCIARE" - "Osservando i dati delle denunce - ha rilevato il vice ministro - si dovrebbe dire che non c'è usura quando sappiamo perfettamente che questo è un fenomeno esistente. Così come sappiamo perfettamente che le attività distorsive si pronunciano in diverse modalità, non solo attraverso la richiesta di danaro ma anche con il condizionamento delle attività negoziali delle imprese. Per non parlare del gioco d'azzardo che risulta più pervaso da presenze criminali, anche attraverso la complicità degli esercizi pubblici coinvolti". Infine, ricordando che a Bari e provincia "un incremento seppure molto contenuto" delle forze di polizia "c'è stato e verrà garantito anche nei prossimi mesi", Bubbico ha ribadito che "l'attività di contrasto alla presenza della criminalità organizzata, l'impegno per favorire l'economia legale affinché le potenzialità espresse dalla Puglia possano garantire risultati positivi, passa certo dall'incremento delle forze di polizia" ma occorre "l'impegno da parte di tutti".

POCHI FONDI PER LE FORZE DI POLIZIA - Il vice ministro ha poi affrontato anche il problema relativo alla scarsità di risorse a disposizione delle forze dell'ordine. "Non c'è dubbio che le forze di polizia vivano una condizione di grande sofferenza, non solo dal punto di vista numerico ma anche dal punto di vista retributivo. Non si dimentichi che gli operatori di pubblica sicurezza, gli uomini delle nostre polizie, non ricevono l'adeguamento del proprio trattamento economico da troppi anni". Bubbico ha precisato che "la questione va risolta compatibilmente con i quadri di finanza pubblica. E non serve sottolineare le difficoltà che viviamo e anche la possibilità, che è alla nostra portata, di aprire un nuovo ciclo di equilibri del bilancio pubblico, superando le criticità e i vincoli che ci derivavano dall'Unione europea". "Il governo Letta - ha rilevato - sta lavorando per liberare il nostro Paese, la finanza pubblica e la nostra economia, da quei vincoli. Ma perché quella liberazione possa determinarsi - ha concluso - è necessario che vanga riconosciuto e validato lo sforzo che il nostro Paese ha compiuto per contenere il rapporto deficit-pil e per rispettare i parametri condivisi in sede comunitaria".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta alla criminalità, vertice in Prefettura. Bubbico: "Serve anche l'impegno dei cittadini"

BariToday è in caricamento