Carceri, Sippe: dopo chiusura Opg, occorre personale qualificato per la gestione di detenuti con disturbi psichiatrici

Preoccupazione nel carcere di Bari, un detenuto straniero inveisce contro la polizia penitenziaria

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Nella giornata del 3 marzo u.s., un detenuto straniero ha scatenato il panico, andando in collera per futili motivi, creando forte preoccupazione e pregiudizio all'ordine e alla sicurezza di un reparto detentivo del carcere di Bari. A denunciare il caso è il Segretario Generale del SIPPE Carmine Olanda . "Il detenuto - commenta il sindacalista - pare fosse un soggetto con problemi di natura psichiatrica. Grazie al tempestivo intervento del personale di polizia penitenziaria e del comandante del Carcere - continua Olanda - si è evitato il peggio. Il detenuto è stato sottoposto a T.S.O. (Trattamento sanitario obbligatorio) e ricoverato presso la sezione detenuti del Policlinico di Bari.

Purtroppo - conclude il sindacalista - a distanza di circa un anno dalla chiusura degli OPG, molti istituti penitenziari non hanno ancora adeguati strumenti, reparti e personale con competenze specifiche per la gestione di detenuti che presentano disturbi di natura psichiatrica e ciò potrebbe ripercuotersi negativamente nella gestione degli eventuali eventi critici.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento