menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La protesta di alcuni giorni fa

La protesta di alcuni giorni fa

"Smog insostenibile, no ai tir su via di Maratona", i cittadini pronti a scendere di nuovo in piazza

Il comitato di attivisti e residenti chiede soluzioni per un problema che si trascina da decenni: "Spostare il traffico su via Caracciolo - spiegano - in attesa della Camionale"

"In queste due settimane c'è stata una tregua dallo smog e dal caos ma riprenderemo la protesta non appena i tir torneranno a percorrere via di Maratona e via Vittorio Emanuele Orlando. La situazione è insostenibile": residenti della zona Fiera e cittadini sono pronti a manifestare contro la presenza continua di camion diretti da via Napoli al porto. Ogni giorno, infatti, sono centinaia i mezzi pesanti che arrivano in città per giungere nel porto e viceversa, intasando notevolmente le vie attorno allo stadio della Vittoria e le Piscine Comunali. Circa una settimana fa un gruppo di attivisti del comitato 'Fronte del Porto' si è dato appuntamento al Varco della Vittoria, sul lungomare, per sensibilizzare l'opinione pubblica su un problema irrisolto da troppo tempo. La soluzione, infatti, è al momento solo sulla carta e si chiama Strada Camionale, ovvero una 'bretella' che collegherà lo scalo marittimo barese alle principali arterie stradali di entrata ed uscita dalla città, ovvero Statale 16 e Autostrada A14. Attesa da anni, si aspetta la gara per l'individuazione del soggetto redattore del progetto esecutivo di un'opera complessa che prevede anche la creazione di un nuovo svilncolo autostradale, i collegamento alla Tangenziale e alla poligonale, un varco doganale nelle vicinanze della Stanic e un ultimo tratto 'in trincea' fino al porto per evitare di interferire come accade ora con abitazioni e quartieri.

LA CAMIONALE, SOLUZIONE ATTESA DA DECENNI

Per l'opera serviranno 230 milioni di euro e, probabilmente ancora alcuni anni di attesa: "Secondo noi - spiega Matteo Magnisi, tra i portavoce del comitato 'Fronte del Porto' - ce ne vorranno davvero tanti. Il problema lo stiamo affrontando da una decina d'anni, quando l'attuale sindaco Decaro era assessore cittadino al Traffico. A quell'epoca ci vennero date assicurazioni per risolvere la questione in modo rapido. Nel 2017 siamo ancora a questo punto. Stimiamo che circa 1700 tir percorrono in media ogni giorno via di Maratona, provocando disagi e inquinamento, rendendo anche pericolosa una semplice passeggiata. I camion, a volte, parcheggiano lungo via di Maratona. La zona non ha solo palazzi ma anche complessi sportivi come quello delle piscine comunali e campi da calcio dove giocano bambini e ragazzi. Abbiamo interloquito con assessori comunali e regionali. Ci piacerebbe incontrare il sindaco o il neo presidente dell'Autorità portuale, per esporre le ragioni di residenti e cittadini".

GLI ABITANTI: "DEVIARE IL TRAFFICO SU VIA CARACCIOLO"

In questi giorni c'è stato un po' di 'sollievo' poiché per alcuni lavori è stato chiuso il Varco della Vittoria. La conseguenza? I tir sono stati fatti deviare su via Caracciolo, aggirando il Mercato comunale, e fatti entrare da un nuovo ingresso realizzato appositamente: "Per gli abitanti è stato molto positivo - aggiunge Magnisi - . Alcuni di loro hanno potuto anche mangiare sui balconi, cosa che non riuscivano a fare da anni. La soluzione, però, temiamo sia provvisoria e che tra pochi giorni tutto ritornerà come prima. Perché non utilizzare sempre questa strada? Potrebbe permettere di alleviare i disagi quotidiani degli abitanti, in attesa della Camionale, opera indispensabile se poi si vorrà ampliare il porto con la colmata di Marisabella, intervento a cui ci opponiamo". La nuova strada, infatti, sarebbe indispensabile per assorbire i nuovi flussi di traffico che potrebbero derivare dall'estensione dell'area utilizzabile nello scalo barese. I lavori per la colmata (costo previsto 53 milioni di euro), al momento, sono fermi dal 2013, nonostante ne fosse previsto il completamento entro il 2015: "Senza la Camionale - fa notare Magnisi- , quando verrà completata Marisabella, opera a cui siamo contrari perché creerebbe problemi ambientali, ci sarà un traflico praticamente triplicato che andrebbe a svilupparsi dove già abbiamo centinaia di tir che passano ogni giorno, andando a intasare il tutto. Per questa ragione vorremmo soluzioni, aspettando la Camionale, che possano tenere conto dei cittadini adesso e in futuro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Attico di lusso nel cuore di Bari: un sogno a due passi dal mare dove il fascino dell'antico si sposa all'eleganza del moderno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento