menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scrittore tarantino contro Checco Zalone: "Mia la storia di Sole a catinelle"

Presentato un esposto alla Procura. La reazione ironica dell'artista su Fb: "Se scrivete una storia in cui il protagonista muore, sappiate che i diritti sono degli evangelisti"

La trama di Sole a Catinelle plagiata? A muovere l'accusa contro il film campione di incassi interpretato da Checco Zalone e diretto da Gennaro Nunziante è uno scrittore 22enne tarantino, Alex De Vietro, che attraverso il suo legale, l'avvocato Fabrizio Lamanna, ha presentato un esposto alla Procura di Taranto, chiedendo di accertare e valutare "se nei fatti, atti e comportamenti posti in essere siano rinvenibili fattispecie penalmente rilevanti".

Secondo quanto riferito dal legale in una nota, ripresa e diffusa in giornata dai media,  il film "riprenderebbe pedissequamente il nucleo individualizzante di un manoscritto di creazione del De Vietro e depositato in data 13 giugno 2012 presso l'ufficio Siae". In particolare, si fa riferimento a tre scene, che "possono definirsi individualizzanti dell'opera stessa: la scena del protagonista che ricerca le offerte di lavoro su un giornale; la professione di venditore porta a porta; il divieto di accesso dei consulenti porta a porta". Per questa ragione, il giovane tarantino "sentendosi fortemente danneggiato, in quanto privato della possibilità di riprodurre la sua opera ad altri soggetti", ha presentato l'esposto, "riservandosi la costituzione di parte civile nell'eventuale processo".

Nel pomeriggio, su Facebook, Checco Zalone ha commentato a suo modo l'accaduto. Postando la notizia battuta dall'Ansa, con la nota diffusa dall'avvocato, l'artista ha commentato: "Quindi cari sceneggiatori, se scrivete una storia in cui il protagonista alla fine muore, sappiate che i diritti sono dei sig. Marco, Matteo, Luca e Giovanni", riferendosi ironicamente ai quattro evangelisti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento