menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Centinaia di paia di scarpe sequestrate dai vigili. Il Comune: "Saranno donate ai più poveri"

Le calzature sono state confiscate poiché vendute abusivamente. Prosegue, intanto, la solidarietà dei baresi in occasione dell'arrivo di 250 migranti nel porto: continuano le donazioni

Trecentosessanta paia di scarpe da ginnastica vendute abusivamente, sequestrate e confiscate dalla Polizia Municipale, saranno distribuite ai poveri e agli adulti in condizione di grave marginalità, migranti e italiani: è l'effetto dell'accordo tra i vigili urbani e l'Assessorato cittadino al Welfare che permetterà di consegnare ai più sfortunati e alla rete cittadina della distribuzione solidare, indumenti e scarpe sequestrati: "Stiamo lavorando fianco a fianco, pubblico e privato sociale - spiega l'assessore cittadino al Welfare, Francesca Bottalico - per riuscire ad accogliere al meglio uomini, donne e bambini che arrivano a Bari spinti dal bisogno e dalla disperazione, così come cerchiamo di fare ogni giorno con tutte le persone che si trovano in situazioni di vulnerabilità. Questo accordo con la Polizia municipale rappresenta un nuovo, importante passaggio per far funzionare al meglio la grande macchina della solidarietà cittadina”.

Non si ferma, intanto, la solidarietà con cui i cittadini e le associazioni baresi hanno risposto all’appello lanciato dall’assessorato al Welfare in occasione dell’arrivo nel porto di Bari di 248 migranti, domenica scorsa. Proseguono le donazioni di alimenti, prodotti per l’igiene personale e indumenti che l’amministrazione comunale sta destinando alla distribuzione per rispondere ad esigenze immediate e all’allestimento di un magazzino di beni in rete con le associazioni di volontariato in base alle necessità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Attico di lusso nel cuore di Bari: un sogno a due passi dal mare dove il fascino dell'antico si sposa all'eleganza del moderno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento