"Città sicura, ma c'è degrado": Decaro presenta i risultati del sondaggio tra 2500 baresi

I dati sono stati presentati durante il Comitato metropolitano tenutosi nel pomeriggio al San Paolo. "Il quartiere Murat è percepito come meno sicuro, paura per gli immigrati al Libertà" ha spiegato il sindaco

Oltre la metà dei baresi - il 60 percento - pensa che Bari sia sicura, mentre la vera preoccupazione è il degrado registrato. È il sindaco di Bari Antonio Decaro a riportare al ministro dell'Interno Marco Minniti i risultati dell'indagine effettuata su un campione di 2500 residenti, durante la seduta del Comitato metropolitano. L'incontro, a cui erano presenti anche il prefetto Marilisa Magno e i sindaci dei Comuni dell'area metropolitana, si è tenuto nel pomeriggio all'interno della Casa delle culture nel quartiere San Paolo. Al termine dell'evento il sindaco e il ministro hanno anche incontrato alcuni dei migranti presenti nel centro.

WhatsApp Image 2017-12-08 at 19.36.35(1)-2

I risultati dell'indagine

"L'indagine dimostra che più che sull'insicurezza - ha spiegato Decaro - i cittadini pongono attenzione alle situazioni di degrado. Per questo al ministro Minniti non chiediamo maggiori forze dell’ordine, più controlli o telecamere, ma proponiamo un nuovo modello di sicurezza e di legalità che passa attraverso la soluzione delle situazioni di degrado».

Tra i temi più sentiti dai cittadini ci sono la manutenzione dei marciapiedi, le deiezioni canine, così come tutte  quelle condizioni di degrado che tendono ad aumentare la percezione di insicurezza. Come ricorda il sindaco

Si ha più paura di vivere in un quartiere senza luci che in un condominio affianco ad una persona che appartiene ad un clan legato alla criminalità organizzata. Questo porta i sindaci ad affrontare il tema della legalità e della sicurezza in maniera diversa rispetto al passato.

La ricerca - effettuata anche attraverso il monitoraggio delle parole chiave più diffuse sui social - ha anche dimostrato che la fascia d'età in cui si percepisce maggiormente l'insicurezza è quella dei giovani fra i 35 e i 45 anni, genitori di figli piccoli. 

WhatsApp Image 2017-12-08 at 19.36.34-2

"Murat quartiere percepito come meno sicuro"

L’indagine del Comune di Bari traccia anche una mappa dell'insicurezza nei singoli quartieri. Si scopre così che è il centro murattiano quello percepito come meno sicuro, mentre nel Libertà è più sentito , inoltre, che l’unico quartiere dove c'è percezione di insicurezza è il Murattiano, il centro di Bari, mentre nel quartiere Libertà, a ridosso del centro, è più sentito il tema dell’immigrazione come pericolo. Negli altri rioni cittadini la percezione di insicurezza è legata al degrado, infatti, come ricorda il sindaco, 

la paura più diffusa tra i baresi è prendere l’autobus di sera o aspettare il bus a fermate scarsamente illuminate. Il monitoraggio sul web, invece, ha rilevato la frequenza di parole sull'immigrazione legate alla percezione di insicurezza.

Potrebbe interessarti

  • ''U scazzecappetìte'': sapete cos'è?

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • Come tenere puliti e privi di germi e batteri i bidoncini della spazzatura

  • Forno a microonde, quali sono i reali rischi per la salute?

I più letti della settimana

  • Si sottopone a operazione per dimagrire, madre 35enne muore dopo bendaggio gastrico alla clinica Mater Dei

  • Punta la pistola contro universitari e pretende di parcheggiare: "Toglietevi da lì", paura per 3 ragazzi a San Pasquale

  • Il quartiere Libertà piange Fransua: cordoglio e messaggi di ricordo sui social

  • Da Giovinazzo a Fesca trasportata dal mare mosso: gabbia per l'allevamento pesci recuperata dalla Guardia Costiera

  • Dal gioco d'azzardo alle estorsioni agli imprenditori: la mappa dei racket dei clan in città

  • In arrivo un'altra ondata di maltempo: allerta arancione per martedì, previsti temporali e grandine

Torna su
BariToday è in caricamento