rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
Cronaca

Dalla sosta selvaggia ai limiti di velocità non rispettati: a Bari in un anno oltre 200mila sanzioni

I numeri emergono dal bilancio delle attività messe in campo dalla Polizia locale di Bari nel 2022. Le infrazioni contestate sono state complessivamente 201.934

Dalla sosta vietata all'eccesso di velocità, passando per il mancato uso delle cinture, l'utilizzo del cellulare alla guida e il mancato rispetto della segnaletica. A restituire una 'fotografia' delle infrazioni commesse dai baresi al volante, sono i numeri che emergono dal bilancio delle attività messe in campo dalla Polizia locale nel 2022.

Come emerge dal report, il numero complessivo delle sanzioni elevate per violazioni al Codice della Strada è stato pari a 201.934 (con un calo di circa il 6% rispetto all’anno precedente). Guardando nel dettaglio le principali infrazioni contestate, spiccano quelle collegate alla sosta. Le violazioni contestate in base all'articolo 7 ('regolamentazione della circolazione nei centri abitati', ovvero le infrazioni a ordinanze in materia di viabilità, che possono riguardare divieti di sosta, ztl, strisce blu) sono state 91379; 52022 quelle per divieto di fermata e di sosta e arresto, 9218 per fermata e sosta irregolare dei veicoli. Altra voce rilevante è quella che riguarda le violazioni della segnaletica stradale (9210). Non mancano poi le sanzioni per mancato uso delle cinture e dei sistemi ritenuta (1176) e quelle per l'uso delle lenti o del telefonino alla guida (522). Per quanto riguarda invece il mancato rispetto dei limiti di velocità, le violazioni contestate sono state complessivamente 14018, di cui 13.966 con autovelox e telelaser. Altre 482 sono state le sanzioni che hanno riguardato la conduzione di monopattini.

Le infrazioni rilevate per quartiere: Murattiano al primo posto

Dal report si evince anche il numero di violazioni al Codice della strada rilevate per ciascun quartiere cittadino. Al primo posto c'è il Murattiano, con 40.204 infrazioni accertate. Tra i quartieri con i numeri più alti, il Libertà con 27.466, violazioni e ancora Picone (17.340), Madonnella (16.538), Carrassi (15.916).

Commercio, rifiuti, scavi stradali: le altre attività

I controlli di polizia annonaria e amministrativa nelle attività commerciali, nei Pubblici Esercizi, nei circoli culturali e nelle strutture ricettiva sono stati complessivamente pari a 939. Le violazioni complessivamente accertate e contestate ai titolari di attività commerciali in sede fissa o itinerante, pubblici esercizi et similia sono state complessivamente pari a 874 per un importo complessivo di introiti per violazioni delle leggi in materia di commercio pari a circa 514 mila euro accertati ed avviati alla riscossione. Ancora, i sequestri operati in materia commerciale sono stati complessivamente 178 con un totale di 10.040 pezzi sequestrati ed avviati alla confisca/distruzione. I controlli sugli scavi stradali sono stati 2260 con 35 contestazioni per lavori stradali irregolari o privi di autorizzazioni. In materia di controlli sul conferimento regolare dei rifiuti sono state 1988 le sanzioni per conferimenti fuori orario, 363 le violazioni contestate per rifiuti su sede stradale, 2441 le contestazioni a carico di soggetti non residenti sorpresi a gettare i rifiuti in cassonetti stradali nella Città di Bari, 420 i controlli per la regolare iscrizione degli animali da affezione nell’anagrafe canina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla sosta selvaggia ai limiti di velocità non rispettati: a Bari in un anno oltre 200mila sanzioni

BariToday è in caricamento