rotate-mobile
Cronaca Altamura

In casa il laboratorio della droga: coppia di pusher in manette, sequestrati oltre 500 grammi tra eroina, hashish e cocaina

L'arresto della polizia di Matera ad Altamura: gli agenti sono giunti all'abitazione dei due seguendo i movimenti di alcuni tossicodipendenti

La Polizia di Stato di Matera ha arrestato in flagranza di reato due giovani, un uomo e una donna rispettivamente di 30 e di 23 anni di Altamura, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e sequestrato 458 gr di eroina, 47 gr di cocaina, 38 gr di hashish e un grammo di marijuana, oltre a tre bilancini di precisione e altri strumenti impiegati per il confezionamento delle dosi di droga.

Nel corso di mirati servizi di prevenzione e repressione contro l’attività illecita del traffico e dello spaccio di sostanze stupefacenti, gli agenti della Squadra Mobile di Matera, che stavano monitorando alcuni piccoli spacciatori e tossicodipendenti di questa provincia, hanno notato alcuni assuntori recarsi nella vicina Altamura.

Sospettando che il motivo dei viaggi fosse l’approvvigionamento della sostanza stupefacente, li hanno seguiti e osservato che, dopo aver parcheggiato in prossimità del centro storico, quelli si addentravano nelle strette viuzze adiacenti per poi ritornare da una direzione ogni volta diversa.

Perlustrando la zona, gli investigatori hanno notato la presenza di altri probabili consumatori individuando l’abitazione nella quale entravano e uscivano e hanno deciso di farvi ingresso per procedere a una perquisizione. 

Nel piccolo appartamento, abitato dalla coppia di giovani, in un vassoio collocato su un mobile del vano di ingresso sono stati rinvenuti 8,5 grammi di eroina contenuti in quattro involucri in cellophane, un involucro di 47 grammi di cocaina, un pezzo di hashish di 38 grammi, un involucro in cellophane di 1 grammo di marijuana. Sul tavolo del soggiorno c’erano poi due bilancini di precisione, un paio di forbici, due rotoli di nastro adesivo, vari ritagli di cellophane trasparente; in un mobile della cucina, contenuta in un barattolo di plastica, è stata rinvenuta della polvere bianca risultata essere sostanza da taglio per lo stupefacente. Inoltre, in una tasca dei pantaloni, l’uomo custodiva un involucro contenente altri 50 grammi di eroina e nell’altra tasca banconote di vario taglio per un ammontare complessivo di 1.380 euro.

Oltre al laboratorio e al punto vendita delle diverse tipologie di droga, è stato successivamente individuato anche il deposito della stessa: la perquisizione è stata estesa a un terreno nella disponibilità dell’uomo, nell’agro di Altamura, dove, tra le pietre di un muretto a secco, sono stati rinvenuti altri 400 grammi di eroina suddivisi in 8 involucri. Un terzo bilancino di precisione è stato rinvenuto invece nascosto nel giardino dell’abitazione di residenza dell’uomo. Tutto quanto rinvenuto come sopra indicato è stato sequestrato: stupefacenti, strumenti e materiale per il confezionamento delle dosi e denaro ritenuto il provento dell’illecita attività.

I due spacciatori sono stati arrestati, e l’uomo è finito in carcere di Trani, mentre la donna in quello di Taranto. I due arresti e le perquisizioni sono stati successivamente convalidati dall’Autorità giudiziaria di Bari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In casa il laboratorio della droga: coppia di pusher in manette, sequestrati oltre 500 grammi tra eroina, hashish e cocaina

BariToday è in caricamento