Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

Droga nello zainetto per spacciarla a scuola, gli ordini via Instagram: 17enne finisce in manette

Arrestato un minore originario della provincia di Bari.I Carabinieri hanno effettuato appostamenti e controlli che hanno permesso di cogliere il ragazzo con lo stupefacente nella borsa. Le richieste avvenivano tramite il social network

Gli ordini arrivavano via Instagram e le bustine di droga venivano recapitate direttamente a scuola, lontano dagli sguardi degli insegnanti: i Carabinieri hanno arrestato, in una cittadina della provincia di Bari, un 17enne accusato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Secondo gli investigatori, avrebbe escogitato un efficace metodo per per vendere hashish o marijuana utilizzando il social network per raccogliere gli ordinativi. I militari, dopo aver raccolto numerose testimonianze di giovani assuntori di droga, tutti minorenni e clienti del 17enne, hanno effettuato pattugliamenti e servizi di osservazione nella scuola. I movimenti 'sospetti' avvenivano soprattutto negli orari d'ingresso e uscita dalle lezioni, ma anche durante gli intervalli.

In casa altro stupefacente e materiale per il confezionamento

La dinamica sarebbe stata sempre la stessa: su Instagram veniva specificata la droga richiesta con il numero di bustine che arrivavano a scuola. Il 17enne, ieri pomeriggio, è stato quindi bloccato dai Carabinieri con diverse dosi di marijuana e hashish all'interno dello zainetto. Nella sua abitazione, invece, aveva altre 35 dosi di droga pronte per lo smercio, un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento e 1500 euro in contanti, ritenute provento dell'attività illecita. Il minore è stato quindi condotto nel carcere Fornelli di Bari: nei prossimi giorni sarà processato per la convalida dell'arresto. La droga sequestrata sarà analizzata dai Carabinieri.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga nello zainetto per spacciarla a scuola, gli ordini via Instagram: 17enne finisce in manette

BariToday è in caricamento