Rifiuti, graffiti e incuria: ecco la città che non vorremmo mostrare a ministri e turisti

A maggio arriveranno a Bari migliaia di persone, tra turisti, fedeli e delegati internazionali per San Nicola e il G7. Siamo andati a scoprire in che stato versano i luoghi che visiteranno

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bari ospita nel mese di maggio due eventi che attireranno turisti, delegati internazionali e le telecamere di tutto il mondo: San Nicola e il G7. A loro però saremo anche costretti a presentare un borgo antico e un quartiere murattiano che soffrono degli stessi problemi da anni: sporcizia, inciviltà e incuria. 

DEGRADO SUL LUNGOMARE - Basta iniziare un viaggio dal lungomare monumentale, vicino all’Albergo delle Nazioni che ospiterà i delegati del G7. Qui anche le migliaia di persone che arriveranno per San Nicola dovranno fare i conti con le panchine ancora semidistrutte e arrugginite, dove i graffiti dei vandali non risparmiano neanche quelle di recente ridipinte dagli studenti dell’Accademia delle Belle arti. Ai ministri faremo fare una passeggiata tra i rifiuti abbandonati a pochi passi dal mare e vicino ai lampioni. E se poseranno lo sguardo sull’acqua, potrebbero addirittura vedere buste di plastica abbandonate e lunghe distese di alghe su cui si trovano altri rifiuti abbandonati. Senza contare lo sporco che imperversa pure nel giardino dedicato a Fabrizio De Andrè, dove a terra troviamo cartacce e pacchetti di sigarette. 

LE VIE DEL MURATTIANO SPORCHE - Se ci spostiamo verso le vie più commerciali, la musica non cambia. Su corso Vittorio Emanuele continuiamo a trovare le strade con l’asfalto dissestato, con pellegrini e ministri che dovranno fare lo slalom per evitare gli escrementi dei cani non raccolti dai padroni. Più ci si avvicina agli esercizi commerciali e più facilmente capita di trovare montagne di cartoni e bottiglie di vetro lasciate fuori dai cassonetti. 

Su corso Cavour, vicino al Teatro Petruzzelli dove è previsto uno spettacolo per i delegati del G7, la fontana monumentaleripulita da pochi mesi – ha già ritrovato l’acqua putrida con decine di rifiuti a mollo. Senza contare poi l'immondizia che spunta dalle aree verdi in zona e i graffiti che incorniciano persino gli storici luoghi della cultura, come l'ex teatro Kursaal Santa Lucia. 

GRAFFITI E INCIVILTA' SULLA MURAGLIA - Ultima tappa del nostro viaggio nella Bari che non vorremmo mostrare ai visitatori è nel borgo antico, a partire proprio dalla Muraglia che ha convito gli organizzatori del G7 a sceglierci come città ospite. Qui i turisti già si vedono e, per raggiungere la Basilica sono costretti a passare davanti a bustoni della spazzatura lasciati sulle scalinate e angoli con sgradevoli odori di urine.

Tutta la bellezza della muraglia è poi rovinata dalle decine di graffiti che invadono panchine, muri e cestini portarifiuti. Gli stranieri rimarranno affascinati dalla bellezza di queste rovine a cui noi ormai siamo abituati, certo, ma dovranno anche rendersi conto che i ragazzini si divertono a colpire le muradove già in passato erano avvenuti dei crollicon il pallone, scambiandole per una porta.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BariToday è in caricamento